Quantcast

I timori delle aziende che lavorano con la Russia, Olmar Legnano: «Speriamo prevalga il buon senso»

Le industrie, come Olmar Legnano, interessate da commesse russe, sono preoccupate per iniziative che potrebbero recare un nuovo blocco della produzione

Olmar Legnano

La guerra è tornata in Europa e solo il pensiero fa «tremare» per tutte le conseguenze che porterà. Lo sanno bene le industrie, come la Olmar di Legnano, che lavorano con commesse dell’Est e della Russia. Realtà produttive in questo momento preoccupate per il “massiccio pacchetto di sanzioni” contro Mosca decise dall’Europa come ritorsione. Dopo il blocco della produzione a causa della pandemia (ricordiamo uno degli ultimi trasporti eccezionali nel 2019 diretto proprio in Russia) e le difficoltà del caro bollette, le imprese, ora, si vedono “piombare addosso” la minaccia di un altro fermo dettato proprio da questo conflitto.

«Ormai lo sappiamo – spiegano da Olmar -, tutte le aziende manifatturiere, come la nostra, stanno facendo i conti sia con il caro bollette sia, e più ancora, con il continuo e imprevedibile rincaro dei prezzi delle materie prime con drastica riduzione della marginalità. Tuttavia, al momento quello che ci sta maggiormente preoccupando è la gravissima situazione creatasi in Ucraina e siamo quindi in attesa di conoscere i provvedimenti e le sanzioni che la comunità internazionale vorrà mettere in atto nei confronti dell’amministrazione russa, oltre a quelle già note».

Olmar Legnano ha attualmente in corso di fabbricazione importanti progetti destinati al territorio russo che, come spiegano dall’azienda, «erano già stati precedentemente bloccati causa Covid e che nella seconda metà dell’anno scorso avevano fortunatamente ripreso il loro corso. Al momento, stiamo procedendo con le normali attività di progettazione e fabbricazione ma la possibilità reale che gli stessi progetti vengano nuovamente bloccati è naturalmente fonte di grande preoccupazione e causerebbe senz’altro gravi danni all’economia aziendale». La speranza finale è indirizzata verso un unico obiettivo, «il prevalere del buon senso su ogni altro atteggiamento».

Gea Somazzi
gea.somazzi@legnanonews.com
Noi di LegnanoNews abbiamo a cuore l'informazione del nostro territorio e cerchiamo di essere sempre in prima linea per informarvi in modo puntuale.
Pubblicato il 24 Febbraio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore