Quantcast

Ex Auchan, restano in cassa integrazione 9 lavoratori di Rescaldina, sono 556 in tutta Italia

La cassa integrazione straordinaria per cessata attività scadrà il prossimo 31 marzo, ma sarà possibile una estensione

ex Auchan Rescaldina

Dopo un anno esatto dalla chiusura dell’ex Auchan, restano ancora nel limbo 556 lavoratori e tra questi 9 sono di Rescaldina. Il loro futuro è ancora appeso ad un filo, in quanto non sono stati riassorbiti dall’impresa consorziata Conad (che ha rilevato il negozio rescaldinese) e non hanno accettato l’incentivo all’esodo. Con loro ci sono anche i lavoratori dell‘ex Simply di San Vittore Olona, abbattuto durante l’estate per lasciar spazio ad nuovo punto vendita Lidl.

La trattativa tra i sindacati e il Gruppo Margherita distribuzioni e l’attuale proprietà di tutti i punti vendita dell’ex Auchan, è ancora in corso. Come ha spigato Fabio Toriello segretario della Filcams Cgil Ticino Olona, durante l’estate la cassa integrazione in deroga, legata alla pandemia, che riguardava i 556 dipendenti è terminata ed è stata avviata (durante l’incontro tenutosi lo scorso 16 agosto al Ministero del Lavoro) la cassa integrazione straordinaria per cessata attività. Ammortizzatore che scadrà il prossimo 31 marzo, ma che «ha la possibilità di estensione – precisa Toriello – come da normativa vigente, fino ad un anno dall’apertura, avvenuta formalmente lo scorso 16 agosto».

Nel contempo, il prossimo ottobre, sono previste le udienze per il ricorso avviato contro la nuova proprietà proprio per il mancato passaggio dei 9 lavoratori, di cui 8 seguito dalla Cgil e uno dalla Cisl Milano Metropoli.  «Sempre in questo periodo la proprietà – spiega Toriello – ha proposto di avviare un piano formativo attraverso un’agenzia di lavoro interinale. Una proposta che ovviamente abbiamo respinto: non ci sono i presupposti, visto che c’è in corso una causa».

L’arrivo di Mondo Convenienza nella galleria commerciale dell’ex Auchan  «non coinvolge direttamente questi lavoratori – secondo Toriello -. Questa realtà non ha nulla a che fare con la vertenza ex Auchan. Mentre i rumors relativi all’arrivo di Ikea, al secondo piano dell’area commerciale, di fatto di proprietà del Gruppo Margherita, sono ormai svaniti. Certo, speriamo arrivi e risolva la posizione di questi lavoratori, ma le probabilità sono ormai nulle».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 30 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore