Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elezioni 2019, corsa a tre a Rescaldina: le interviste video

Sarà una corsa a tre quella delle elezioni amministrative di domenica 26 maggio a Rescaldina: a cercare di aggiudicarsi il voto dei rescaldinesi alle urne, infatti, saranno Gilles Ielo per Vivere Rescaldina, Massimo Oggioni per il Movimento 5 Stelle e Maria Angela Franchi per il Centrodestra Unito.

VIVERE RESCALDINA

Il candidatoGilles Andrè Ielo, 41 anni, dal 2010 è responsabile dell'area custodia e sicurezza del museo MAGA di Gallarate. Dal 2014 è capogruppo in consiglio comunale per Vivere Rescaldina, lista che sostiene la sua candidatura insieme a Noi X Rescaldina.

La squadra - «Il gruppo - spiega la lista - è composto per metà da componenti che hanno già esperienza politica e per metà da nuove figure già attive in ambito sociale, culturale e sportivo sul territorio rescaldinese. Le componenti che caratterizzano questo gruppo sono un forte spirito di servizio, che vuol dire anteporre l'interesse comune ai propri interessi e ai propri bisogni, e una forte sensibilità sociale, quindi attenzione alla persona».
In lista ci saranno: Anita Boboni, 58 anni; Michele Cattaneo, 46 anni; Gianluca Crugnola, 32 anni; Elena Gasparri, 36 anni; Massimo Ambrogio Gasparri, 64 anni; Fabio Giaquinto, 52 anni; Davide Mantegazza, 42 anni; Francesco Matera, 37 anni; Matteo Moschetto, 47 anni; Mariateresa Nasta, 26 anni; Katia Pezzoni, 47 anni; Enrico Rudoni, 40 anni; Celina Rujan, 31 anni; Daniel Schiesaro, 35 anni; Elena Terrano, 43 anni; Federica Vezzoli, 44 anni.

Il programma - «A caratterizzare il nostro programma sono principalmente due punti - sottolinea la lista -: l'amministrare secondo i principi di legalità, trasparenza e onestà ed è per questo che il 12 maggio abbiamo sottoscritto la Carta di Avviso pubblico che ci impegna ad adottare una serie di azioni proprio per promuovere questi valori e il contrasto alle mafie ed alla corruzione; la città a misura di bambino, che significa adottare una politica con la visione del bambino, perchè se tuteliamo il cittadino più fragile tutelia tutti i cittadini. Tutto questo si può fare solo nel momento in cui i conti sono in ordine, i bilanci sono sani e di conseguenza si possono fare azioni efficaci dal punto di vista sociale, della manutenzione e della tutela del patrimonio comunale».

MOVIMENTO 5 STELLE

Il candidatoMassimo Oggioni, 48 anni, è consigliere comunale del Movimento 5 Stelle dal 2015, si occupa di cultura e, dopo un inizio di carriera nell'industria chimica, collabora con la famiglia nella conduzione di una piccola azienda agricola.

La squadra - «La nostra è una lista composta essenzialmente da cittadini comuni - sottolineano i pentastellati -, che rappresenta la maggior parte della cittadinanza e non l'aristocrazia del paese: si va dal campo delle professioni a quello dei pensionati e a quello dei giovani, in uno spaccato della cittadinanza media. Tra i componenti ci sono sia professionisti, sia attivisti storici del gruppo».
In lista ci saranno: Simonetta Michela Punzio, 48 anni; Fabio Di Cesare, 50 anni; Francesco Musu, 46 anni; Michele Marino, 60 anni; Nicola Petrosino, 47 anni; Morena Manfreda, 37 anni; Daniela Coppola, 44 anni; Michele Monti, 30 anni; Grazia Bruno, 62 anni; Fabrizio Landonio, 47 anni; Marco Gasparri, 35 anni; Michela Atzori, 43 anni; Alberto Guarnieri, 43 anni.

Il programma - «I tratti caratteristici del nostro programma - spiega il M5S - sono portare tutti i cittadini a partecipare alla vita sia sociale, sia politica del paese tramite trasparenza ed informazione corretta, dalle quali si ha come vantaggio una risposta dai cittadini: vogliamo che tutte le decisioni siano prese coinvolgendo nel processo decisionale la cittadinanza. E vogliamo recuperare l'esistente: riteniamo che ci siano già tutte le risorse necessarie per far funzionare il paese, senza dover mettere in cantiere nuove opere. Le strutture che abbiamo sono da recuperare, da valorizzare e da far funzionare al meglio. Infine, un estremo rispetto delle regole, che non vuol dire giustizialismo ma che se una regola c'è va rispettata per la tutela di tutti, e se è sbagliata va cambiata».

CENTRODESTRA UNITO

Il candidatoMaria Angela Franchi, 60 anni e due figli, ha appena concluso la propria attività lavorativa all'ospedale di Legnano, iniziata come infermiera e proseguita negli ambiti della formazione del personale e delle relazioni con il pubblico. Presidente del consiglio comunale dal 2009 al 2014, Franchi è sostenuta da Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia. 

La squadra - «I nostri candidati hanno caratteritsiche diversissime uno dall'altro - spiega la coalizione -: professionisti e studenti compresi in una fascia di età che va dai 20 ai 75 anni, in un mix di giovinezza ed esperienza. I membri del nostro gruppo hanno una grande motivazione, ma soprattutto provengono da partiti e quindi hanno una tradizione di valori e un'identità ben chiara e definita».
In lista ci saranno: Ambrogio Casati, 72 anni; Maria Luisa Landoni, 70 anni; Marco Grimoldi, 58 anni; Daniela Brambilla, 50 anni; Mara Deservi, 46 anni; Ilaria Rita Landoni, 41 anni; Ivan Lo Tufo, 44 anni; Emilio Viola, 64 anni; Elise Bozzani, 43 anni; Nicola Di Biase, 72 anni; Matteo Malacrida, 21 anni; Matteo Longo, 23 anni; Antonio Monti, 61 anni; Federica Simone, 29 anni; Andrea Turconi, 26 anni; Debora Zaffaroni, 43 anni.

Il programma - «"Una Rescaldina ordinata, pulita e sicura" è lo slogan del nostro programma - sottolinea il Centrodestra Unito -. Il nostro programma è fermo sull'aspetto della sicurezza, per un paese dove il bambino possa crescere in modo sicuro, il giovane possa sentirsi motivato a progettare la sua vita e l'anziano possa vivere in un ambiente che è ancora la sua casa e la sua famiglia. Abbiamo l'idea di un paese ordinato, perchè l'ordine garantisce la salute delle persone, nel corpo nell'anima e nella psiche. Vogliamo rendere Rescaldina un paese pulito perchè la pulizia dà ordine e bellezza, è per noi un elemento educativo molto importante e tiene lontani i malintenzionati. Vogliamo lavorare per gli anziani e abbiamo una grande attenzione per la scuola, come elemento di trasmissione a bambini e ragazzi del senso del territorio, della tradizione, delle nostre origini, del nostro linguaggio, del nostro dialetto, dei nostri valori e dei nostri simboli. Non intendiamo chiudere le porte: siamo per l'accoglienza ma basata sulle norme di legge».

(Leda Mocchetti)