Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

CEO al Milano Marketing Festival

Dopo il debutto a Legnano della prima serata, CEO Cool Executive Only fa il suo esordio anche
al Milano Marketing Festival, il più importante evento di marketing italiano dedicato al dialogo tra
innovazione e tradizione.

Se l’innovazione’ è ormai all’ordine del giorno, la ‘disruptive innovation’ è la nuova frontiera. Un
termine che sta sempre più entrando nel nostro vocabolario e che tradotto letteralmente si riferisce a quel tipo di trasformazioni ‘devastanti’ che modificano radicalmente il modo in cui noi consumatori siamo abituati a utilizzare prodotti e servizi. In un mondo che evolve alla velocità della luce, di riflesso anche le competenze delle persone, dai manager ai dipendenti, devono aggiornarsi e stare al passo con i tempi.

NEXT GENERATION LEADERSHIP - Le 'disruptive skills' per diventare CEO
21 marzo ore 15, Megawatt Court Milano
Egidio Alagia, Druantia, Green is the new cool e il progetto CEO
Stefano Aschieri, Wood'd, Giorgio Finzi, 4Gifters, Una vita da disrupter
Daniele Leonardi, Creative Farm, Essere disruptive nel settore della comunicazione
Lara Locati, Gi Group, 'Disruptive skills' quelle che non si insegnano a scuola
Sofia Borri, Piano C, La maternità come un master, disruptive come la Womenomics

“In pochi anni - commenta Giuseppe Scarpa Presidente Confindustria Alto Milanese - abbiamo
cambiato modo di comunicare, viaggiare, fare acquisti. Non si tratta semplicemente di trasformazioni
digitali ma di veri e propri cambi di paradigma. Per i nuovi profili professionali saranno sempre più
importanti capacità quali leadership, intelligenza emotiva, pensiero creativo e quelle ‘disruptive skills’ che i nostri testimoni, chi ha creato imprese innovative, chi seleziona risorse umane per le richieste del mercato 4.0, chi sta contribuendo a migliorare la vita delle donne sul luogo di lavoro, ben descriveranno”.