Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Avanzo di bilancio: un tesoretto da 5 milioni di euro

Solidarietà ai cittadini legnanesi colpiti dal nubifragio dello scorso 9 maggio da parte del consiglio comunale. Nella seduta del 15 maggio, i consiglieri comunali hanno espresso la loro vicinanza a chi ha subito danni alle proprie abitazioni o attività, a seguito della forte grandinata, con le opposizioni che hanno evidenziato il problema della pulizia dei tombini e della situazione che si è creata in corso Magenta. Un evento straordinario, lo ha definito ancora una volta il sindaco Gianbattista Fratus che ha dichiarato: «Abbiamo raccolto la richiesta dei danni per chiedere lo stato di calamità, vediamo quali saranno i risultati». 

Sempre in apertura di consiglio comunale dal primo cittadino è arrivata la disponibilità ad incontrare una rappresentanza del comitato "Biblioteca si, sprechi no", arrivato al risultato di 4.500 firme raccolte, ma solo  dopo il Palio, considerato gli impegni che questo comporta: «Per quanto riguarda l'assemblea pubblica ritengo che sarà fattibile quando avremo una idea di progettazione - è stata la risposta di Fratus alla richiesta del M5S - ad oggi abbiamo solamente localizzato l'area e finanziato il progetto. Gli uffici stanno ancora lavorando al bando».

Dal Pd la richiesta ad una maggiore attenzione per i problemi dei pendolari, mentre Daniele Berti Movimento X, ha chiesto di fare partecipare alla sfilata del palio anche i 25 Comuni che comparteciparono alla vittoria di Legnano nella storica battaglia. Dai banchi dell'opposizione anche un messaggio di pace pensando a quello che sta succedendo a Gaza e un commento positivo da parte del consigliere Grattarola (M5S) sul viaggio della memoria a Mathausen a cui ha partecipato insieme agli studenti legnanesi, alcuni dei quali in sala, anche se solo nella prima parte della serata: «Questo viaggio è servito loro anche per capire il valore della partecipazione alla vita pubblica»

Entrando nel vivo delle interrogazioni, è rimasta ancora inevasa la risposta in merito alla richiesta di partecipazione dei consiglieri di minoranza (come uditori) alle riunioni del Comitato Palio: «Ho ribadito al Comitato Palio la mia contrarietà e si è deciso di portare la richiesta alle Contrade che ci faranno avere una risposta», ha dichiarato Fratus. Il consigliere del M5S, Andrea Grattarola ha comunque ribadito che tale richiesta «è assolutamente normale, non fa danni e non rallenterà i lavori del comitato»

Approvato il bilancio consuntivo. L'assessore al  bilancio, Maurizio Cozzi ha evidenziato una fragilità nella parte corrente - «è necessario monitorare il livello di entrata» - e l'avanzo di bilancio, la cui capacità di spesa è limitata a 5 milioni di euro nonostante sulla carta ci siano 14milioni di euro. «Un tesoretto lasciato da chi vi ha preceduto che questa amministrazione ha a disposizione per fare opere », ha sottolineato Sara Borgio del Pd nel commentare il documento. Mentre il vicesindaco ha elencato gli investimenti fatti per la manutenzione straordinaria delle strade, gli interventi sull'edilizia scolastica, sull'ex Accorsi, piscina e videosorveglianza. 

Tutti d'accordo sulla necessità di una "Sala del Commiato", anche se, ha rilevato il sindaco Fratus, nel periodo del suo mandato non è pervenuta alcuna richiesta per una cerimonia civile.

La bocciatura delle richieste da parte delle minoranze per permettere a tutti i consiglieri di conoscere le segnalazioni al Portale del Cittadino e di riattivare il sito Rendicontiamo hanno sollevato il dibattito più acceso e prolungato nel tempo. Al punto da indurre il vice sindaco Cozzi a sottolineare la differenza rispetto alla discussione sul bilancio consuntivo, liquidato in pochi minuti. Una diversa attenzione, stridente per il diverso spessore amministrativo degli argomenti. «Siete per l'oscurantismo», l'accusa dell'opposizione, dopo il voto contrario. «Pretendete una trasparenza senza un reale valore aggiunto», la risposta della maggioranza.

Approvate, infine, le richieste proposte sempre dalle minoranze per la sistemazione del giardino e della copertura lignea della scuola materna Collodi, quella dei bagni al parco Castello, e quella degli stalli per le biciclette lungo la stazione ferroviaria in via Gaeta. 

(Valeria Arini)