Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nubifragio sul Legnanese

Un temporale così intenso da allagare le strade e bloccare per diversi minuti il sottopasso di via Melzi a Legnano. E corso Italia, com'è visibile nel video in copertina, si è trasformato quasi in un fiume in piena.  

Alle 18 e 30 di oggi, mercoledì 9 maggio, pioggia, grandine e vento nell'arco di pochi minuti hanno investito la città e in alcuni punti sono riusciti persino a bloccare il traffico. 

A monitorare la situazione i Vigili del Fuoco e la Polizia Locale di Legnano, intervenuti alla rotonda tra le vie Melzi e Filzi, rimaste letteralmente sott'acqua. Il sottopasso stradale di via Melzi è stato chiuso al traffico sino alle 20 e sul posto sono intevenuti i Vigili del Fuoco di Legnano.

Traffico rallentato per tutta la città, in particolar modo sul viale Toselli in direzione del sottopasso di via San Michele del Carso. Anche via Alberto Da Giussano è stata chiusa al traffico da via S.Bernardino verso il centro a causa di alcune auto finite con le ruote nei tombini esplosi per la violenza dell'acqua. Anche la sede della Croce Rossa di Legnano ha subito disagi forti disagi a causa della bomba d'acqua che ha investito la zona: l'acqua è persino entrata nella struttura di via Pontida.

Numerose le segnalazioni registrate in diverse parti della città, come ad esempio nel parcheggio sotterraneo dell'Esselunga invaso dall'acqua. Oppure in un edificio all'incrocio tra le vie Santa Caterina e Milano dove sono intervenuti i Vigili del Fuoco. 

In tarda serata, un lettore segnale problemi nelle case popolari di via Piscane , con "allagamento in appartamento e crepe in tutta la scala che potrebbero rendere possibile una evacuazione".

Come si può vedere dalla grafica del "Centro Meteo Lombardo, il violento nubifragio ha interessato una vasta area. L'allarme sta piano piano rientrando, ma restano numerosi i danni e i disagi registrati su tutto il territorio dell'Altomilanese e Varesotto. 

A rimanere completamente allagati i sottopassi stradali di via Marelli a Cerro Maggiore e anche quello che collega Rescaldina alla sua frazione Rescalda, dove alcune auto sono rimaste completamente sott'acqua.

Disagi meno rilevanti nella vicina Canegrate, dove però l'Olona si è mostrata decisamente carica. Anche a Castellanza, diversi i disagi registrati soprattutto davanti alla clinica Mater Domini, dove è intervenuta la Polizia Locale a dirigere il traffico, soprattutto in prossimità dei tombini aperti. 

ll fiume è risultato particolarmente minaccioso a Nerviano, in particolar modo all'altezza del ponte tra le piazze Olona e Manzoni (vedi foto), proprio in prossimità del palazzo comunale. 

Alle 20.30, l'ultimo aggiornamento dal Comando della Polizia Locale, con il dr. Daniele Ruggeri che conferma il ritorno alla normalità su tutte le strade. Unico problema, la chisura de sottopasso di via dell'Acquarella, dietro la Gran Casa.

Notevole e impegnativo il lavoro svolto proprio dalla Polizia Locale, dalle Forze dell'Ordine, dalla Protezione Civile, dai Vigili del fuoco, dai soccorritori. Da apprezzare anche il comportamento degli automobilisti legnanesi pazientemente in coda, senza eccessive e dannose tenzioni.

Legnanonews ringrazia tutti i lettori che hanno contribuito sia a fornire video e immagini, sia a trasmettere utili indicazioni nella diretta facebook dalla nostra redazione mobile.