Tecnici Ersaf a “caccia” dell’Anoplophora chinensis a Nerviano

l monitoraggio, come comunica il sindaco Massimo Cozzi, è stato avviato in questi giorni di fine luglio e durerà sino al 31 dicembre.

anoplophora chinensis

Tecnici Ersaf a “caccia” dell’Anoplophora chinensis per le aree verdi di Nerviano. Il monitoraggio, come comunica il sindaco Massimo Cozzi, è stato avviato in questi giorni di fine luglio e durerà sino al 31 dicembre.

«Per combattere il proliferamento del coleottero asiatico, nei prossimi giorni gli incaricati dell’Ersaf saranno presenti sul territorio comunale per il monitoraggio di aree a verde pubbliche e private. Ma attenzione gli incaricati saranno muniti di regolare tesserino di riconoscimento».

Quest’insetto di origine asiatica è considerato molto dannoso per molte specie di latifoglie ornamentali, arboree e arbustive che popolano ecosistemi sia forestali, ma soprattutto urbani, rendendolo molto pericoloso per il verde urbano. Avvistato per la prima volta in Lombardia nel 2000 si aggiunge alla lunga lista di insetti ed animali considerati dannosi per l’ecosistema del territorio.

Ricordiamo, infatti, l’Halyomorpha halys meglio conosciuta come la cimice asiatica. Proprio per contrastare questa cimice, lo scorso maggio in Regione Lombardia è stato “liberato” un esercito di vespe samurai: naturale nemico dell’Halyomorpha.

Nella black list c’è anche il coleottero giapponese (Popillia japonica), avvista nel 2017 nel Parco Alto Milanese e tutt’oggi è presente nei giardini di Legnano e zona. Si tratta di un insetto che può attaccare quasi 300 specie di piante: erbacee o legnose.

Considerata meno temibile è, invece, la Takahashia japonica, che recentemente ha attaccato i gelsi del Castello di Legnano, riconoscibile per i suoi filamenti bianchi, che pendono dai rami, sono definiti “ovisacchi” prodotti dalle femmine prima della schiusa delle uova.

di
Pubblicato il 31 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore