Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

Facebook, entrare nel profilo del partner è reato

La Cassazione ha condannato un uomo entrato nel profilo della moglie, dal quale aveva poi fotografato la chat fra lei e un altro uomo e cambiato la password per impedire futuri accessi

LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

In 18 mesi 4.500 volte su Facebook al lavoro: licenziata

La Cassazione ha ritenuto i 6mila accessi in 18 mesi, di cui 4.500 su Facebook «idonei ad incrinare la fiducia datoriale»

LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

Chiede un permesso per assistere la suocera ma va al mare: licenziato

Respinta sia dalla Corte d'Appello di Napoli, sia dalla Cassazione, la domanda del dipendente per la declaratoria di illegittimità del licenziamento disciplinare

LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

Attraversa fuori dalle strisce, ciclista la investe: condannato

Per la Cassazione il conducente può ritenersi esente da responsabilità solo se non è stato oggettivamente possibile notare il pedone ed osservarne i movimenti

LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

Filma la vicina che esce dalla doccia: niente tende alla finestra, non c'è reato

Non c'è violazione della privacy per la Cassazione: l'uomo, infatti, non ha usato particolari accorgimenti dal momento che le due abitazioni si fronteggiano e la donna non aveva tende alle finestre

LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

In bici ubriaco, no alla sospensione della patente

La Cassazione ha ribadito che la sospensione della patente di guida non può essere disposta nei confronti di chi si sia posto alla guida di un veicolo per cui non è richiesta alcuna abilitazione

LAW AND NEWS / ALTO MILANESE / RHODENSE

Carta d'identità, no dal Garante per la Privacy a "padre" e "madre"

Secondo l'Authority guidata da Antonello Soro, la sostituzione dei termini "genitore 1" e "genitore 2" con "padre" e "madre" potrebbe violare la privacy