Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Serata ambientalista a san Giorgio su Legnano

Seconda delle quattro serate organizzate da ACLI, ANPI, Consulta Cultura di San Giorgio su Legnano con il patrocinio dell'Assessore alla Cultura, con il titolo "PROTEGGIAMO L'AMBIENTE.. . SALVEREMO L'UOMO".

Di scena questa volta la proiezione di TRASHED, film documentario con Jeremy Irons, presentato da Marilena Ballestriero e Biagio Catena Cardillo di RIFIUTI ZERO. In 100 minuti di filmati, i presenti, fra cui alcuni alunni delle Scuole Medie accompagnati dai genitori, hanno constatato i danni che rechiamo all'ambiente con i nostri rifiuti, sia direttamente con il conferimento e con l'abbandono su strade, campi, fiumi, che indirettamente attraverso lo smaltimento e la distruzione ad opera degli enti preposti.

Abbiamo chiesto ad una delle ragazze presenti come mai aveva deciso di venire alla proiezione e candidamente ha risposto: "Perchè è un argomento che mi ha sempre interessato."

Il documentario ha presentato le situazioni più evidenti dei cinque continenti, ma non dobbiamo pensare che non avendo visto immagini sull'Italia, noi siamo in una situazione tranquilla. Anzi pensiamo alla "Terra dei fuochi", ai rifiuti pericolosi della Caffaro, alla centrale di Vado Ligure, agli inceneritori, come quello dell'ACCAM, tutti accusati di procurare gravi danni alla salute. Fra le situazioni più scabrose presentate dal documentario vanno ricordate la spiaggia trasformata in discarica del Libano, i cui rifiuti arrivano fino alle coste pugliesi, le montagne di spazzatura sulle colline britanniche,l'inceneritore islandese chiuso per mancanza di fondi ma che ha rilasciato diossine costringendo gli allevatori a buttare via il latte, alle immense isole di rifiuti di plastica che galleggiano negli oceani (Pacific Trash Vortex, una addirittura grande quasi come la Penisola Iberica) e che si sono formate addirittura dagli anni 50, per colpa dei paesi del mondo industrializzato, senza dimenticare i bambini vietnamiti nati malformati da mamme che da bambine vivevano nelle zone irrorate da diserbanti per 10 anni dagli americani. Il messaggio lasciato da Jeremy Irons è di estremo pericolo.

Buona la presenza del pubblico, circa 60 persone, che testimonia la validità dell'iniziativa. Biagio Catena Cardillo ha spiegato gli obiettivi e le possibilità concrete che avrebbe l'Italia per cambiare direzione, proponendo un percorso per arrivare ad azzerare i rifiuti, con le 5 R: Ridurre, Recuperare Riusare, Riciclare, Riprogettare. Sintomatico l'esempio del film che mostra una famiglia inglese di 4 persone che è riuscita in un anno a produrre solo CINQUE CHILI DI RIFIUTI!

Le prossime serate vedranno l'appuntamento di giovedì 20 marzo, dove verrà presentato il progetto "SALVIAMO IL PAESAGGIO" che interessa ben 41 comuni, con Giuliana Cislaghi e Marina Rotta.

Il 10 Aprile sarà la volta di ALIMENTAZIONE E AMBIENTE, in tema con l'Expo 2015, con SLOW FOOD, G.A.S.A.Bi.Le ed ECO ISTITUTO TICINO.

Collegati a queste serate i due incontri del 28 febbraio a Buscate (Sala Civica, via Filanda 7) con "LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI OGGI, TRA SPRECO E INQUINAMENTO" con Medicina Democratica e del 14 Marzo a Inveruno, (Sala Virga, Biblioteca) con "Ecco la proposta di legge RIFIUTI ZERO" con Enzo Favoino.

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI