Quantcast

Crisi Teva Nerviano, Cgil Ticino Olona: «Inaccettabile il silenzio del Ministero»

Lo sblocco licenziamenti non influirà sulla crisi Teva. Per i sindacati resta inaccettabile il silenzio del Ministero che non ha ancora fissato una data per affrontare la vertenza

Lavoratori TEVA di Nerviano in protesta sotto la Regione Lombardia

Lo sblocco licenziamenti non influirà sulla crisi Teva. Ma per i sindacati resta inaccettabile il silenzio del Ministero. «Sono passati tre mesi dall’annuncio della chiusura della struttura di Nerviano e da Roma nessuna risposta – commenta oggi, 30 giugno, Francesco Restieri segretario della Filctem Cigl Ticino Olona  con Uiltuc Milano-. Torniamo a chiedere al Mise una data per poter affrontare al suo tavolo la vertenza e il delicato tema degli ammortizzatori sociali».

L’azienda farmaceutica israeliana ha annunciato la chiusura lo scorso mese di aprile. Ad essere coinvolti sono 360 lavoratori: famiglie tutte del territorio dell’Alto Milanese. A preoccupare maggiormente il fatto per cui a marzo lo stesso copione è stato ripetuto per il presidio di Bulciago. I sindacalisti, in questi tre mesi, tra proteste e assemblee con i lavoratori, hanno incontrato due volte i rappresentanti di Assolombarda ed hanno portato la vertenza in Regione Lombardia.

Sino ad oggi l’azienda, che risultava in trattativa per co-produrre vaccini, non è mai tornata sui suoi passi. La chiusura è fissata per il luglio 2022, ma ci sarebbe la possibilità di una proroga di sei mesi. Nel contempo due aziende hanno presentato il loro interessamento per l’acquisto del presidio, ma come ci ha spiegato Restieri «non c’è ancora niente di concreto». Teva è pronta ad avviare la cassa integrazione straordinaria e a mantenere il sito «in condizioni ottimali per una futura vendita».

Crisi Teva a Nerviano, l’azienda: «Faremo tutto il possibile per supportare i dipendenti»

La situazione, ogni giorno che passa, sta diventando sempre più tesa;  durante l’ultima protesta i lavoratori hanno bloccato anche il Sempione: «Chiediamo una data al Ministero per poter definire al più presto un accordo. Non possiamo continuare ad aspettare».

Crisi Teva a Nerviano, i lavoratori in presidio bloccano il Sempione: «Il lavoro è dignità»

Gea Somazzi
gea.somazzi@legnanonews.com
Noi di LegnanoNews abbiamo a cuore l'informazione del nostro territorio e cerchiamo di essere sempre in prima linea per informarvi in modo puntuale.
Pubblicato il 30 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore