Quantcast

Crisi Teva: i sindacati incontrano Assolombarda e si appellano al Mise e alla Regione

La crisi Teva approderà, giovedì 29 aprile, al tavolo di Assolombarda. I sindacati hanno presentato sia in Regione Lombardia che al Mise a Roma una richiesta di audizione

Gruppo Teva Nerviano

La crisi Teva approderà, giovedì 29 aprile, al tavolo di Assolombarda. La multinazionale israeliana, nei giorni scorsi, ha annunciato di voler chiudere il sito produttivo nervianese a metà 2022. Una scelta che mette a rischio 360 posti di lavori. Proprio per questo le parti sindacali unite hanno presentato sia in Regione Lombardia che al Mise a Roma una richiesta di audizione per aprire un confronto con la proprietà.

La situazione di per sé appare irreale, visto che il settore farmaceutico non è in crisi e l’azienda Teva risulta in trattativa per co-produrre vaccini. L’intento, secondo Francesco Restieri segretario della Filctem Cigil Ticino Olona, è convincere Teva a mantenere aperto il presidio di Nerviano. Oppure di cercare un pretendente pronto a farsi carico di tutti i lavoratori coinvolti. «La chiusura comporterebbe una grave crisi per tutta la zona. Non intendiamo cedere. Chiediamo al Governo e alla Regione di aiutarci a tutelare i lavoratori a rischio», l’appello del mondo sindacale.

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 27 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore