Quantcast

A 18 anni entra nella Consulta del Centro. L’impegno di Edoardo «per una Legnano più bella»

Abbiamo incontrato per ognuna delle tre consulte territoriali (Centro, Oltresempione e Oltrestazione) i componenti più giovani. Il tour nel quartiere di San Martino che andrà a rappresentare il 18enne Edoardo Falco

La partecipazione dei giovani alle ultime elezioni amministrative di Legnano aveva sorpreso. Sia tra i banchi dell’opposizione ma soprattutto nella in quelli della maggioranza, la componente giovanile rappresenta una fetta importante del consiglio comunale. Una presenza non solo numerica ma decisiva in tante iniziative politiche.

E’ bello allora scoprire che anche nelle consulte territoriali, che rappresentano un livello ancora più “basso” della politica, ci sono candidati 18 e under 18 (l’amministrazione ha scelto di estendere le candicature ai 16enni ndr) che si sono messi a disposizione della propria città, o meglio del proprio quartiere per migliorarlo.

Un segnale positivo in un contesto nazionale che vede i giovani allontanarsi sempre di più da chi li governa. Una nota Istat riporta che fra il 2014 e il 2019 la quota di persone di 14 anni e più che non partecipano alla vita politica è passata dal 18,9% al 23,2%.

Abbiamo quindi deciso di incontrare per ognuna delle tre consulte territoriali (Centro, Oltresempione e Oltrestazione) i componenti più giovani,  insediati il 18 maggio in occasione dell‘elezione dei tre presidenti. 

Edoardo Falco, classe 2002, frequenta il quinto anno del liceo Galilei di Legnano. Ha vissuto la sua infanzia a Legnanello ma poi si è spostato a San Martino, quartiere per il quale si è candidato e che andrà a rappresentare all’interno della consulta del Centro, suddivisa in Centro, Costa e San Martino. «Quando mi è stato chiesto di candidarmi – spiega – ho subito colto questa proposta come un’opportunità per avvicinarmi alla politica e conoscere da vicino anche come funziona la macchina comunale. Da almeno cinque anni mi appassiono a questi temi e ho accettato per rendermi utile per il quartiere dove sono cresciuto e a cui tengo molto: mi piacerebbe ricambiare in parte quello che mi ha dato la mia città in questi anni».

Generica 2020

IL TOUR – Con Edoardo abbiamo visitato alcuni luoghi del “cuore” del quartiere, come la discoteca Secret Room, che come giovane si augura venga riaperta presto per avere «un luogo di ritrovo dopo una settimana di scuola» e il Maniero di San Martino, «un luogo di aggregazione dove ci si può divertire, fortemente legato alle tradizioni della città». Siamo passati per via Stoppani, dove c’è un problema di illuminazione – «la sera è ben poco illuminata e può risultare pericolosa», dal parchetto di via Premuda, «area verde lasciata andare con giochi rotti e panchine rovinate, da riqualificare», per arrivare al parco Falcone e Borsellino in centro: «Qui e nella galleria Cantoni come in altri luoghi del centro ci sono state risse tra giovani con ferit, e questo non è accettabile –  spiega Edoardo -. Legnano offre numerose opportunità per i ragazzi della nostra età ma c’è anche un problema di sicurezza che va risolto».

L’impegno per Edoardo è ora quello di raccogliere le segnalazioni degli abitanti del suo quartiere e portarle in Comune, «per risolvere in fretta i problemi, portare idee e rendere Legnano una città sempre più bella».

Le consulte territoriali di Legnano, divise in quartieri, si aprono agli adolescenti

 

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore