Quantcast

Ennesimo rinvio per “Piazza Pulita”, slitta a luglio l’udienza preliminare per altri sette imputati

Rinviata al 20 luglio l'udienza preliminare per il secondo filone processuale nato dall’inchiesta “Piazza Pulita”, che potrebbe portare alla sbarra altre sette imputati

tribunale di busto arsizio

Ancora un rinvio, l’ennesimo, per il secondo filone processuale nato dall’inchiesta “Piazza Pulita”, che a maggio 2019 ha decapitato la giunta guidata dall’allora sindaco di Legnano Gianbattista Fratus. Era attesa per oggi, martedì 30 marzo, l’udienza preliminare che potrebbe portare alla sbarra altri sette imputati ma dalle aule del Tribunale di Busto Arsizio è arrivato un altro rinvio: uno dei difensori, coinvolti, infatti, ha aderito all’astensione proclamata per lunedì 29, martedì 30 e mercoledì 31 marzo dall’Unione delle Camere Penali Italiane.

Al netto di un nuovo slittamento, che sarebbe il quinto rispetto alla prima data fissata per l’udienza – il ritorno della vicenda in aula era inizialmente previsto per lo scorso maggio, poi per ottobre, di nuovo per gennaio e infine per oggi -, si tornerà a parlare del “caso Legnano” il prossimo 20 luglio. Come aveva già fatto per il primo processo scaturito dalle indagini, il comune di Legnano, che rispetto ai fatti di cui si parlerà nel palazzo di giustizia bustocco è persona offesa, si è costituito parte civile e lo stesso ha fatto Amga, la società partecipata finita al centro dell’inchiesta.

In aula oggi erano attesi Paolo Pagani, ex direttore generale di Amga, Enrico Barbarese, ex dirigente per lo sviluppo organizzativo del comune, Enrico Peruzzi, suo predecessore, Mirko Di Matteo, ex direttore di Euro.PA, Catry Ostinelli, ex presidente di Amga, e Luciano Guidi, candidato sindaco alle amministrative del 2017. Per Pagani, Barbarese, Peruzzi, Di Matteo e Ostinelli l’accusa è di aver collaborato a vario titolo con Fratus, Cozzi e Lazzarini  alla manipolazione del conferimento di un incarico di consulenza in Euro.PA, della selezione del dirigente per lo sviluppo organizzativo di Palazzo Malinverni e della nomina del direttore generale di AMGA. A Guidi, invece, viene contestato un accordo stretto con Fratus in occasione del turno di ballottaggio delle elezioni amministrative del 2017 per barattare i propri voti con una nomina in una municipalizzata per la figlia.

Alle loro posizioni potrebbe essere riunita quella di Flavio Arensi, chiamato in causa per il bando attraverso il quale è diventato curatore artistico del comune di Legnano, che secondo gli inquirenti sarebbe stato cucito su misura proprio per il critico d’arte. A valle dell’inchiesta “Piazza Pulita”, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio Nadia Calcaterra, a processo erano già finiti i tre imputati principali, ovvero l’ex sindaco di Legnano Gianbattista Fratus, il suo vice Maurizio Cozzi e l’assessore alle opere pubbliche Chiara Lazzarini: per loro la scorsa primavera era arrivata la condanna, contro la quale i tre ex amministratori hanno presentato ricorso in appello.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 30 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore