Quantcast

Elezioni a Villa Cortese, ecco i sogni nel cassetto dei candidati in corsa per diventare sindaco

Dopo aver messo a confronto i programmi dei candidati di Villa Cortese su mobilità sostenibile, scuola e cultura, LegnanoNews ha raccolto i loro "sogni nel cassetto"

elezioni

Meno tre giorni alle prossime elezioni amministrative di Villa Cortese, che domenica 3 e lunedì 4 ottobre vedranno 5.129 elettori chiamati alle urne per rinnovare il consiglio comunale cittadino e scegliere il nuovo sindaco. Dopo aver messo a confronto i programmi elettorali dei due candidati in corsa per la poltrona più alta di piazza Carroccio su mobilità sostenibile, scuola e cultura e iniziative per vivacizzare il paese, LegnanoNews ha deciso di raccogliere i sogni nel cassetto degli aspiranti primi cittadini per dare un ultimo spaccato della loro visione per il futuro del paese.

NUOVAMENTE VILLA

Riportare in paese un teatro, che faccia anche da volano culturale ed economico per tutto il territorio, è il sogno nel cassetto di Katia Iura e NuovaMente Villa. «Il sogno nel cassetto, che sarebbe un grande regalo per tutta la cittadinanza, è quello di riavere un teatro – sottolinea la candidata -. Tutto noi almeno una volta siamo stati nel nostro Cineteatro: recite scolastiche, musical e film. Poter avere ancora a disposizione un luogo culturale come un teatro, sarebbe un volano incredibile per tutto il territorio sia dal punto di vista culturale sia dal punto di vista economico».

INSIEME PER VILLA

Puntano ad un paese in cui si viva bene Alessandro Barlocco e Insieme per Villa. «Il mio “sogno nel cassetto” è che i villacortesini possano sempre dire di essere soddisfatti, contenti e orgogliosi di vivere a Villa Cortese – spiega il candidato – perché abitano e si sentono parte di un paese alla portata di tutti (grandi e piccoli), attento ai bisogni di tutti, un paese “in movimento” attivo e vivace con tante opportunità di incontro e condivisione, con tanti spazi verdi (e non solo) belli e da vivere, in cui ci si può spostare facilmente e in sicurezza, in cui ciascuno può trovare un modo di esprimere la sua personalità, in cui si gestiscono bene le risorse a disposizione, in cui si favorisce la crescita e il lavoro, attento alla tutela del territorio e dell’ambiente…un paese in cui si vive bene».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 01 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore