Quantcast

Elezioni: ecco le idee per la mobilità sostenibile a Villa Cortese tra ciclabili, pedibus e pullman

LegnanoNews ha messo a confronto le proposte per la mobilità sostenibile dei candidati alle elezioni di Villa Cortese di domenica 3 e lunedì 4 ottobre

bicicletta

Mobilità sostenibile: due parole che sono sulla bocca di tutti da anni, ma che negli ultimi mesi pandemia e crisi climatica hanno ridefinito come una priorità assoluta. Destinataria di risorse per oltre 25 miliardi di euro nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza messo a punto da Palazzo Chigi per definire la ripartizione delle risorse che arriveranno all’Italia dall’Unione Europea con il programma Next Generation EU, ovvero il cosiddetto Recovery Fund, la mobilità sostenibile è un tema “caldo”, con la cui declinazione pratica si troverà a fare i conti anche chi dal prossimo 5 ottobre diventerà sindaco a Villa Cortese. Per questo LegnanoNews ha deciso di mettere a confronto su questo tema i programmi dei due candidati alle prossime elezioni di domenica 3 e lunedì 4 ottobre.

INSIEME PER VILLA

Ciclabili comunali e sovracomunali, pedibus e accorgimenti per rallentare il traffico: è questa la ricetta di Alessandro Barlocco e di Insieme per Villa, che in primis pensano al completamento del progetto su via Micca, «un tracciato che prevede la realizzazione di un tratto di pista ciclabile e percorso pedonale protetto su entrambi i lati della strada (ora in fase di progettazione esecutiva e in attesa di prescrizioni specifiche da parte della provincia) e via Emilia, in cui verranno posizionati dei paletti dissuasori per facilitare il transito ai pedoni in sicurezza». Poi l’avvio del pedibus, previsto dal progetto “L’Alto Milanese va in mobilità sostenibile” e bloccato per la pandemia, e tratti di ciclabili sovracomunali – sempre previsti dal progetto – come un tracciato ciclabile lungo via Biella fino all’incrocio con via Novara che colleghi il Parco Alto Milanese con il Parco del Roccolo passando dalla ciclabile già esistente, uno lungo la Sp 12 che passi per Legnano, Villa Cortese e gli altri comuni che gravitano sulla provinciale («tasto su cui battiamo da tempo», ribadiscono dalla lista), uno tra il paese e l’Ospedale di Legnano e uno verso Dairago «che permetterebbe anche di collegare il centro al Palavilla. Tra gli obiettivi c’è anche quello di «proseguire con accorgimenti per rallentare traffico favorendo in tal modo anche gli spostamenti in bici e piedi con maggiore sicurezza» e «dare attuazione alle previsioni del nuovo PGT tra cui anche la realizzazione di una rotatoria su via Pacinotti all’altezza della zona industriale/ProLoco per migliorare la sicurezza della strada».

NUOVAMENTE VILLA

Puntano su ciclabili sovracomunali, incentivi per chi va al lavoro in bici, potenziamento dei bus e colonnine per le auto elettriche NuovaMente Villa e Katia Iura. «Vogliamo innanzitutto coinvolgere comuni limitrofi, provincia e regione al fine di predisporre un piano ad hoc per creare una rete ciclopedonale protetta e integrata verso un territorio sempre più connesso, ad esempio con Dairago e Legnano dobbiamo lavorare su Via Pacinotti e Via Biella – spiega la lista -. In questi anni nonostante i contributi nazionali ricevuti dal comune e decine di migliaia di euro spesi per il progetto, la costruzione della pista ciclabile di via Micca non è nemmeno iniziata: queste lungaggini sono inaccettabili. Va fatto poi un grande lavoro già a livello scolastico affinché il cittadino comprenda il duplice benefico della riduzione degli inquinanti e dell’attività fisica legata al movimento fatto con la bicicletta, utile a migliorare lo stile di vita e le difese immunitarie. Una bella idea portata avanti da altri comuni è quella di stanziare un fondo, con l’obiettivo di incentivare i cittadini, dove sussistono le condizioni, ad utilizzare la bicicletta o l’e-bike nel tragitto casa-lavoro. Capitolo importante resta l’interconnessione con le città più grandi, tramite i bus. Il servizio attualmente è scarno, scadente e nei mesi estivi, con le scuole chiuse, è ancor più carente di corse e frequenze. Dobbiamo farci promotori di una nuova conferenza dei servizi, per fare squadra con i comuni del territorio. Non di meno vanno incrementate le colonnine per la ricarica delle auto elettriche».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore