Quantcast

Cerro Maggiore, taglio del nastro per la “nuova” edicola votiva di San Giovanni Battista

Nei mesi scorsi, grazie ad un'iniziativa del Comitato Rinascimento Cerrese, l'edicola votiva di San Giovanni Battista è stata completamente restaurata

Inaugurazione edicola votiva di San Giovanni Battista a Cerro Maggiore

Taglio del nastro per la “nuova” edicola votiva di San Giovanni Battista a Cerro Maggiore. Nei mesi scorsi, grazie all’iniziativa promossa dal Comitato Rinascimento Cerrese, quello che per il paese è un vero e proprio luogo del cuore è stato rimesso a nuovo dopo più di 60 anni dall’ultimo intervento, voluto da don Luigi Branca, e oggi, domenica 27 giugno, l’edicola si è (ri)presentata ai cerresi in tutto il suo splendore.

Galleria fotografica

Inaugurazione edicola votiva di San Giovanni Battista a Cerro Maggiore 4 di 30

Tutto è iniziato con una raccolta fondi avviata a fine novembre dal Comitato Rinascimento Cerrese, nato proprio allo scopo di riportare l’edicola votiva agli antichi fasti. «Abbiamo deciso di lavorare insieme, dedicando il nostro tempo e la nostra passione per l’arte all’iniziativa di restaurare questo dipinto e, speriamo, altre edicole votive presenti in Cerro Maggiore – ha spiegato il presidente Antonio Maruggi -. Questo restauro ha un significato diverso per ogni interlocutore: per i cristiani è un luogo di preghiera e di meditazione recuperato, per chi è nato e cresciuto in paese è un luogo del cuore rinato, per un architetto è un prezioso elemento di arredo urbano che migliora lo stato del paese. Il restauro è un passo importante per recuperare le opere d’arte cadute nel dimenticatoio di Cerro Maggiore».

In pochi mesi grazie alla donazioni il comitato è arrivato a mettere da parte la cifra minima prefissata di 15mila euro e, dopo il via libera della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Milano, che ad inizio marzo aveva effettuato un sopralluogo in paese e concesso il nulla osta al progetto, e quello del comune, ha potuto avviare la fase operativa del progetto a fine aprile. Grazie ai lavori sono state sostituite le grondaie, sono state installate lastre di alluminio come sottocoppo per eliminare le infiltrazioni di acqua, sono state sostituite le travi e la carpenteria in legno del tetto ed è stato consolidato il muro ormai in pessime condizioni dell’edicola, utilizzando al posto dell’intonaco in cemento un rivestimento traspirante che ridurrà il tasso di umidità. La seconda fase del progetto di recupero, poi, si è concentrata sul restauro vero e proprio del dipinto.

Inaugurazione edicola votiva di San Giovanni Battista a Cerro Maggiore

Oggi finalmente l’inaugurazione ufficiale, alla presenza del sindaco Nuccia Berra, che ha ringraziato comitato e cittadini per questo «momento importante che fa rivivere la storia culturale del nostro comune», e con la benedizione del parroco don Roberto Verga, che ha sottolineato il significato religioso del dipinto e ha incitato il comitato a continuare su questa strada perché «i nostri paesi sono carichi di storia cristiana, una storia che indica punti strategici. Durante la cerimonia sono stati premiati aziende e cittadini “benemeriti” che si sono distinti per il contributo dato al restauro – le ACLI di Cerro Maggiore, Adriano Aspeti, Anna Balconi e Fernando Vignati, Centro di Rotondi, Luigi Dell’Acqua, famiglia Monticelli, Ottica Moderna, Rezzonico Auto, Rotondi Prefabbricati, Edil2000, Garzo Ponteggi, Lombarda Tinteggiature, NSA Group, San Luca Restauri, Giuseppe Proverbio, Rosalba Franchi, Studio FTP di Fornasiero e il comune di Cerro Maggiore – ed è stato presentato il libro realizzato per l’occasione, che oltre a contenere un back-stage dei lavori di recupero ed elencare i nomi di tutti i donatori riporta un censimento di tutte le edicole votive del territorio con fotografie, commento storico-culturali e testimonianze.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 27 Giugno 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Inaugurazione edicola votiva di San Giovanni Battista a Cerro Maggiore 4 di 30

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore