Quantcast

Cerro Maggiore, già raccolto il 40% dei fondi per il restauro del dipinto di San Giovanni Battista

Avviata a novembre, la raccolta fondi per il restauro del dipinti di San Giovanni Battista a Cerro Maggiore ha già superato il 40% del budget stimato

Edicola san giovanni battista

Il Comitato Rinascimento Cerrese chiama, e Cerro Maggiore risponde. Procede a passo spedito la raccolta fondi lanciata per il restauro del dipinto di San Giovanni Battista che si trova lungo l’omonima via, di fronte al Centro Anziani: l’obiettivo fissato al momento del lancio prevedeva di raccogliere una cifra di almeno 15mila euro, ovvero la somma necessaria a rifare il tetto dell’edicola votiva e in generale a riqualificare l’intera opera, e il crowdfunding ha già permesso di metterne da parte oltre il 40%, con la prospettiva di poter programmare i lavori per l’inizio della primavera.

L’affresco originale ha subito già più di un intervento, l’ultimo dei quali ormai 60 anni fa, e in passato, verosimilmente per ragioni di carattere economico, è stato restaurato come dipinto. Al netto del valore artistico, l’opera ha certamente un grande valore affettivo per il paese, per il quale ha rappresentato negli anni una tappa obbligatoria nelle varie funzioni religiose e spesso un punto di incontro o per fermarsi a fare quattro chiacchiere dopo l’uscita dal vecchio cinema parrocchiale. Per questo il comitato, nato a novembre, ha deciso di partire proprio da questo dipinto per dare poi vita ad un progetto di rinascita anche di altre opere “dimenticate” del territorio: idea che vuole essere anche un segnale di speranza per una comunità che come tutto il mondo da ormai quasi un anno è messa a dura prova dal Covid-19.

Ora per continuare a promuovere il progetto il comitato distribuirà nelle case entro il prossimo weekend anche un depliant illustrativo con tanto di istruzioni per contribuire alla causa e metterà in piazza SS. Cornelio e Cipriano uno striscione che promuove l’iniziativa. «Il progetto di restauro del dipinto di San Giovanni Battista sta destando un crescendo interesse nella popolazione, lo si rileva dalle richieste di informazioni che quotidianamente riceviamo – spiegano i fondatori -. Anche la raccolta fondi sta procedendo speditamente, è già stato raggiunto oltre il 40% di quanto stimato e il comitato si attende una crescita delle donazioni a seguito della distribuzione del depliant illustrativo del progetto in programma. Ci attendiamo una crescita anche dei piccoli contributi, 5 o 10 euro, che sono graditi quanto i grandi».

Per dare merito a chi contribuirà alla causa, al termine del restauro verrà realizzato un “Libro delle Donazioni” con tutti i nomi di chi ha sostenuto il progetto, per i quali oltre ad una copia del volume è previsto anche un ringraziamento individuale. Chi dona più di 50 euro, inoltre, riceverà anche una litografia numerata e firmata di Ruggero Rotondi, noto artista cerrese e cofondatore del comitato. Aziende, commercianti e artigiani che contribuiranno al crowdfunding avranno la possibilità di apporre il proprio logo sui prossimi depliant informativi e anche sul “Libro delle Donazioni”.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore