Quantcast

Rapina con accoltellamento al BeerBanti di Canegrate, rito abbreviato per l’imputato

L'uomo, accusato di far parte del commando autore della rapina con accoltellamento della notte di Capodanno 2016 al BeerBanti di Canegrate, ha chiesto il rito abbreviato

rapina con accoltellamento beerbanti canegrate

Ha chiesto il rito abbreviato il cittadino moldavo accusato della rapina con accoltellamento avvenuta la notte di Capodanno del 2016 al BeerBanti di Canegrate. L’uomo, che dovrà rispondere di tentato omicidio e rapina aggravata, è di fatto l’unico dei tre autori dell’efferata rapina ad essere stato arrestato, mentre dei due complici uno non è mai stato identificato e l’altro è tuttora latitante.

L’imputato era tornato libero a gennaio, due giorni dopo la richiesta avanzata dal suo legale, Domenico Costantino, in udienza preliminare davanti al GIP del Tribunale di Busto Arsizio Stefano Colombo per decorrenza dei termini della custodia cautelare. Nel caso del giovane moldavo infatti, la normativa legata all’attività dei tribunali nell’emergenza sanitaria e la lentezza delle procedure di estradizione dalla Russia – dove si era da ultimo rifugiato l’uomo dopo un “passaggio” in Francia prima e in Moldavia poi, finendo per essere arrestato a Mosca per altri reati – non avevano reso possibile la sospensione dei termini della custodia cautelare a causa del coronavirus.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, nel 2016 la banda colpì nelle prime ore della mattinata di Capodanno, quando il proprietario stava chiudendo il locale dopo la lunga notte di festeggiamenti. I tre uomini, armati, si sarebbero fatti consegnare l’incasso della serata, pari a circa 12mila euro, e avrebbero malmenato e accoltellato al fianco il titolare, allora 57enne, rimasto poi sospeso tra la vita e la morte per una settimana prima di essere dichiarato fuori pericolo. L’arma del delitto non fu mai ritrovata, nonostante all’epoca i Carabinieri abbiano più volte ispezionato i prati e i boschi intorno al ristorante di via Mulino Galletto e il fiume Olona, anche utilizzando una piattaforma aerea e una telecamera subacquea.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 03 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore