Quantcast

Parabiago, ecco il nuovo consiglio comunale

comune parabiago

È terminato da poche ore lo scrutinio che ha incoronato Raffaele Cucchi sindaco di Parabiago per la seconda volta e la Lega come partito più votato della città della calzatura. Con il primo cittadino prenderanno posto undici consiglieri di maggioranza e cinque di opposizione, in una perfetta parità di genere: saranno infatti otto donne e otto uomini ad occupare i banchi del parlamentino parabiaghese.

La Lega farà la parte del leone nella coalizione di centrodestra con sette consiglieri: Luca Ferraio, il candidato più votato in assoluto con 240 voti, Diego Scalvini (218 voti), Dario Quieti (178 voti), Elisa Lonati (145 voti), Stefania Zerbini (122), Manuel Bongini (102) e Valentina Re (81). Due consiglieri andranno invece a Fratelli d’Italia: Marica Slavazza (202) e Giuliano Polito (195 voti). Completeranno la maggioranza Carlo Raimondi di Forza Italia (86 voti) e Adriana Nebuloni di AttivaMente (233 voti).

Cinque, invece, i consiglieri che siederanno sui banchi della minoranza. Il primo partito di opposizione sarà il Partito Democratico con tre seggi, che saranno occupati dall’ex candidata sindaco Ornella Venturini, da Alessandra Ghiani (115 voti) e da Giorgio Nebuloni (115 voti). Due, invece, i consiglieri di RiParabiago che entreranno in consiglio comunale: l’aspirante primo cittadino Giuliano Rancilio ed Elisabetta Croce (224 voti).

Se questa è la composizione del parlamentino emersa dalle urne, va detto che prima di potersi dire ufficiale dovrà fare i conti con le scelte del sindaco per la composizione della giunta: chi entrerà a far parte della squadra di governo – ed è facile pensare che potrebbe esserci più di uno tra i candidati più votati -, lascerà il banco consigliare a chi lo segue in “graduatoria”.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 22 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore