Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Troppe crisi in maggioranza", si dimette la consigliera Luciani

Dopo le dimissioni dell'ormai ex assessore Maura Pera, la maggioranza sanvittorese guidata dal sindaco Marilena Vercesi Varcesi perde un altro pezzo. A lasciare l'incarico a causa delle «troppe crisi in maggioranza» è la consigliera Lucia Luciani.

«La mia è una decisione politica in quanto da tempo non esistono più le condizioni  per poter lavorare in maggioranza - spiega la dimissionaria in una nota stampa -. Le informazioni e le decisioni il più delle volte non vengono condivise, nonostante più e più volte abbia sottolineato quanto sia importante comunicare tra di noi e con i cittadini. La coesione è limitata a pochi esponenti dell’Amministrazione e spesso ho appreso decisioni politiche dai giornali e non dal gruppo di cui ho voluto far parte».

Per questo motivo, a tre mesi dalle elezioni, Luciani ha «voluto dare un segnale a questa maggioranza che sta organizzando la lista per le prossime elezioni».

Una decisione che la consigliera non ha preso a cuor leggero: «Mi dimetto amareggiata e mortificata soprattutto perché, nonostante le mie continue sollecitazioni, non c’è mai stata la comunicazione necessaria per fare squadra, per valorizzare le persone e per tenere compatto un gruppo che avrebbe dovuto remare nella stessa direzione - scrive Luciani -. Avrei voluto dare e fare di più per il paese in cui sono cresciuta, ma non ne ho avuto la possibilità perché non hanno  mai creduto in me fino in fondo. Andavo bene cinque anni fa, ora non più.

La consigliera ringrazia infine «chi mi ha sostenuta e chi mi ha ritenuta un possibile mezzo per evidenziare le problematiche sanvittoresi  anche se, purtroppo, non mai avuto risposte concrete da questa maggioranza».

LA RISPOSTA DEL SINDACO

Le dimissioni di Luciani non sono però una sopresa per il sindaco Marilena Vercesi che in una nota stampa scrive di avere «assistito a un susseguirsi di assenze della consigliera in occasione delle attività istituzionali, delle iniziative e delle riunioni periodiche proposte dalla mia amministrazione, in virtù delle motivazioni da lei addotte relative ad impegni di carattere personale. Proprio per questo motivo, mi sono sempre resa disponibile per la consigliera Luciani con appuntamenti dedicati al fine di aggiornarla e renderla partecipe del lavoro quotidiano perché, come spesso diceva nei tanti messaggi intercorsi fra noi, aveva "pochissimo tempo"»..

«Il tempo - conclude la prima cittadina - a quanto pare è tiranno solo per gli altri mentre un sindaco dispone di una giornata di 48 ore, mi verrebbe da dire, perché deve sempre essere disponibile. Serve anche però ricordare che un consigliere ha delle responsabilità e che tale ruolo richiede di diritti e speculari doveri che forse la consigliera Lucia Luciani non ha mai considerato. A San Vittore Olona a quanto pare siamo affetti da "gattopardismo" e questa lettera melodrammatica contenente le motivazioni delle dimissioni della consigliera Lucia Luciani sono solo un "dejà vu" dove ancora una volta è mancato il coraggio di dire la verità».