Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tiziana Colombo: «La mia maggioranza incoerente sulla sicurezza»

Non si placa la "guerra" tra la consigliera del Pd, Tiziana Colombo, e la sua maggioranza. In un lungo comunicato, la "democratica" torna a criticare i suoi compagni di amministrazione che nel consiglio comunale di giovedì sera hanno bocciato la mozione sulla sicurezza. Approvato da alcuni consiglieri di opposizione, il documento chiedeva il potenziamento notturno della polizia locale. 

La rappresentante del Pd non usa toni morbidi e l'attacco più duro è rivolto proprio al sindaco Alberto Centinaio, tacciato di incoerenza: «La maggior contraddizione però l’ha dimostrata il primo cittadino - scrive Tiziana Colombo - che durante le dichiarazioni di voto ha detto per ben tre volte che cercherà di mettere in pratica i contenuti della mia mozione pur  bocciandola perché proposta  in modo strumentale. Francamente sto ancora cercando di capire il senso delle sue affermazioni».

Non poteva mancare la risposta a Insieme per Legnano e al capogruppo Lorenzo Radice: «Il consigliere mi ha attaccata personalmente in modo sgradevole ed arrogante sostenendo - attacca la democratica -  tra le altre cose, che loro stavano lavorando già da mesi ad una mozione simile , rivendicandone di conseguenza, il diritto di primogenitura.  Ha omesso  però di dire che il lavoro già prodotto da un ex consigliere,  giaceva in un cassetto a prendere polvere. Come mai , visto che  il consigliere Radice sostiene che questo tema è a loro così caro?».

Nel comunicato (che riportiamo integrale) la consigliera se la prende anche con il resto della maggioranza, criticando il bilancio e l'avanzo di 2milioni di euro.


Caro direttore, vorrei condividere alcune considerazioni riguardo al Consiglio Comunale di ieri sera dove si è discussa e votata la mozione da me presentata sulla sicurezza.

Sui fatti, l’articolo già apparso su Legnano News  è sicuramente preciso ed esaustivo, mi permetto di sottolineare che i gruppi di maggioranza e lo stesso Sindaco hanno bocciato la mia mozione adducendo motivazioni tutte diverse tra loro. Questa è l’anomalia più grossa per una compagine di governo della città, soprattutto su un tema così importante. Devo dare atto invece a tutti i consiglieri di minoranza di aver interpretato nella maniera corretta e non strumentale, lo spirito della mozione.

Nello specifico, il Partito Democratico non si è espresso, se non attraverso la consigliera Rotondi che comunque parlava a titolo personale. Dalle sue dichiarazioni  ho dedotto che la collega probabilmente abita in un’altra città dove esiste una efficace e capillare videosorveglianza che dovrebbe fare dormire sonni tranquilli a tutti i cittadini. Al riguardo Le chiederei di portare le immagini registrate di tutti i reati che quotidianamente vengono commessi a Legnano.

La lista Rilegnano ha semplicemente dichiarato che la città è fondamentalmente sicura e quindi non viene considerato il tema della sicurezza come prioritario. Spero che mantengano questa posizione anche quando verosimilmente nei prossimi Consigli Comunali, verrà presentata dalla maggioranza una mozione che andrà nella stessa direzione di quella da me presentata.

Il gruppo dell’Italia dei Valori, ha riconosciuto un maggior bisogno di sicurezza ma ha comunque votato contro la Mozione perché non condivisa con la maggioranza.

Infine Insieme per Legnano che, attraverso il capogruppo Radice, mi ha attaccata personalmente in modo sgradevole ed arrogante sostenendo, tra le altre cose,che loro stavano lavorando già da mesi ad una mozione simile , rivendicandone di conseguenza, il diritto di primogenitura.  Ha omesso  però di dire che il lavoro già prodotto da un ex consigliere,  giaceva in un cassetto a prendere polvere. Come mai , visto che  il consigliere Radice sostiene che questo tema è a loro così caro?

La maggior contraddizione però l’ha dimostrata il primo cittadino che durante le dichiarazioni di voto ha detto per ben tre volte che cercherà di mettere in pratica i contenuti della mia mozione pur  bocciandola perché proposta  in modo strumentale. Francamente sto ancora cercando di capire il senso delle sue affermazioni.

Invito da oggi in poi i vari professionisti  politici della maggioranza ad occuparsi in modo attento e puntiglioso non solo delle mie proposte e di quelle del consigliere Quaglia, ma di guardare a 360 gradi. Troveranno,infatti, diverse cose che non vanno.

 Faccio qualche esempio. I consiglieri Sassi e Formigoni hanno recentemente convocato una commissione congiunta per discutere e votare il nuovo regolamento del parco ex Ila. Hanno organizzato la commissione in sala consigliare, con l’impianto microfonico spento, l’ascensore guasto e soprattutto una bozza di regolamento assolutamente inadeguata, tanto è vero che è stato ritirato il punto all’Ordine del Giorno nell’ ultimo Consiglio Comunale. Quindi dopo un anno di lavoro, questo è stato il risultato. Vogliamo quantificare tra spese di location e di gettoni di presenza  quanti soldi sono stati sprecati? Non uno dei tanti professori della maggioranza ha ritenuto di dire alcunché. Tanto come al solito paga Pantalone. Vogliamo discutere dell’opportunità di spendere oltre tredici mila euro per restaurare un quadro che non è neppure di nostra proprietà, per poterlo esporre in Comune per circa un mese spendendone  altrettanti  se non di più e scoprire proprio oggi che sono stati calcolati male i tempi ( e speriamo solo quelli!), di restauro e quindi per Natale niente quadro? Vogliamo parlare del fatto che nell’ultimo bilancio questa amministrazione ha prodotto un avanzo di oltre 2 milioni di euro  e poi continuiamo a raccontare ai cittadini che non ci sono i soldi  per fare nulla?

Confido come sempre nell’intelligenza dei cittadini i quali sono sicuramente in grado di valutare al di là della propaganda “civica”, come stanno realmente  le cose.   

Consigliere Comunale Tiziana Colombo

(Valeria Arini)