Quantcast

Sindaci del Rhodense: «Manca un rinnovo generazionale tra i medici e i pediatri»

Ben 68 sindaci per lo più del Rhodense e dei Comuni alle porte di Milano chiedono a Regione Lombardia e ad Ats una strategia per «risolvere questa situazione»

Generico 2018

«Manca un rinnovo generazionale tra i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta nei Comuni della Città Metropolitana». A segnalarlo con forza chiedendo una «strategia immediata» a Regione e Ats sono 68 sindaci per lo più del Rhodense e dei Comuni alle porte di Milano. Tra firmatari ci sono Rho, Pregnana Milanese, Pero, Bollate, Arese, oltre che Baranzate, Arluno e Solaro. Risultano  assenti, anche se il problema è altrettanto sentito, i Comuni dell’Alto Milanese.

I sindaci in questione hanno firmato la lettera indirizzata al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, all’assessore al Welfare Letizia Moratti e al direttore generale dell’Ats Milano Walter Bergamaschi. «È una situazione da anni ampiamente prevedibile e già precedentemente segnalata da molti di noi in più occasioni all’attenzione delle varie Direzioni Sanitarie dei nostri territori e per la quale, inutilmente, abbiamo chiesto negli anni un intervento deciso e risolutivo – si legge nella lettera -. Il progressivo pensionamento di molti dei nostri medici di famiglia sta conducendo a una condizione di diffuso disagio, sia per i medici rimasti in servizio, sia per i loro pazienti».

I primi cittadini nella nota hanno evidenziato il crescente disagio di numerosi cittadini che spesso sono costretti ad affidarsi alle cure di MMG e PLS fuori dal proprio Comune di residenza. «I medici che continuano ad esercitare vedono salire il numero massimo di pazienti fino a entità difficilmente gestibili con serenità, specialmente in questo periodo di emergenza sanitaria, durante il quale il carico di lavoro per loro è aumentato pesantemente in quantità e nelle difficoltà delle prestazioni loro richieste». A fronte di ciò i sindaci chiedono agli enti preposti di condividere una strategia per «risolvere questa situazione, prima che i disagi causati diventino di ancor più difficile gestione».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 26 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore