Quantcast

Ex lavoratrici Simply in protesta a Milano: «Vogliamo il lavoro»

Le ex dipendenti del Simply di San Vittore Olona sono scese in strada oggi, martedì 28 settembre, con i loro colleghi milanesi, per protestare davanti a Palazzo Marino

Uiltec  Lavoratrici ex Simply

Vogliamo il lavoro” è quanto chiedono le lavoratrici dell’ex Simply di San Vittore Olona, punto vendita che chiuso (quasi due anni fa) perchè coinvolto nella vertenza di Margherita distribuzio-Conad. Le ex dipendenti sono scese in strada oggi, martedì 28 settembre, con i loro colleghi milanesi, per protestare davanti a Palazzo Marino. Il loro futuro è ancora appeso ad un filo, in quanto non sono stati riassorbiti dall’impresa consorziata Conad (che ha rilevato Auchan tra cui il negozio rescaldinese). Nel contempo il Simply di San Vittore Olona è stato anche abbattuto durante l’estate per lasciar spazio ad nuovo punto vendita Lidl.

«Abbiamo reso pubblica la situazione di incertezza, preoccupazione e disagio che stanno vivendo queste persone, e sollecitare gli interventi necessari – hanno commentato i sindacalisti della Uiltucs -. Nei mesi scorsi, infatti, come UILTuCS Lombardia, insieme a Filcams, Fisascat e organizzazioni sindacali confederali regionali abbiamo chiesto un intervento di carattere istituzionale nei confronti di Margherita Distribuzione (società controllata da Conad) e degli altri soggetti imprenditoriali coinvolti nella fase di acquisizione delle filiali in vendita, finalizzato alla salvaguardia dei posti di lavoro. A Milano, tra gli altri, gli storici negozi di Frattini, Amati e Prealpi non sono ancora stati rilevati da nessun imprenditore ed i lavoratori coinvolti, ad oggi in cassa integrazione, rischiano di restare senza reddito e senza occupazione. Nonostante i numerosi tentativi fatti in queste settimane, attraverso il diretto coinvolgimento della Confederazione, non è stato possibile ricevere una risposta da parte del Comune di Milano riguardo alle problematiche esposte durante le precedenti audizioni e men che meno una proposta di incontro di ritorno».

Nella stessa situazioni si trovano anche 9 lavoratori ex Auchan rescaldinese che non hanno accettato l’incentivo all’esodo. A tal proposito il prossimo ottobre, sono previste le udienze per il ricorso avviato contro la nuova proprietà proprio per il mancato passaggio di questi 9 lavoratori, di cui 8 seguito dalla Cgil e uno dalla Cisl Milano Metropoli.

Ex Auchan, restano in cassa integrazione 9 lavoratori di Rescaldina, sono 556 in tutta Italia

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 28 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore