Quantcast

Case Aler di via Porta, un cantiere infinito

I lavori sono ripartiti dopo anni di abbandono e degrado -  La direzione Aler rassicura che il cantiere procede e terminerà entro la fine del 2019.

 Quasi 8 anni per realizzare 52 alloggi popolari, finanziati (e rifinanziati) da Regione Lombardia. Il cantiere in questione è quello di via Porta, al civico 22, dove lunedì 4 marzo un operaio è salito su una gru per chiedere gli stipendi arretrati. Un episodio, fortunatamente finito positivamente, che, assicura l'assessore alle politiche sociali, Ilaria Ceroni, non influisce sul cronoprogramma del cantiere legnanese, già abbastanza travagliato.

Nel 2015 l'allora sindaco Alberto Centinaio fu infatti costretto a chiedere la muratura di porte e finestre – costata oltre 40mila euro – per bloccare l'ingresso degli abusivi che dormivano all'interno, tra sporcizia e degrado. Il cantiere era abbandonato da più di due anni a causa del fallimento dell'azienda a cui Aler aveva appaltato i lavori: gli appartamenti incompleti erano così diventati dormitori abusivi e l'intera palazzina ricettacolo di spaccio e delinquenza.

[pubblicita]  Nel febbraio del 2016 l'allora direttore di Aler Lorella Sossi aveva annunciato la ripresa dei lavori grazie a 5milioni di euro messi a disposizione da Regione Lombardia: «Il cantiere sarà completamente riprogettato – aveva dichiarato Sossi a margine della conferenza stampa sul nuovo protocollo d'intesa tra Aler e Comune – e i lavori riprenderanno entro la fine dell'anno. L'inaugurazione è prevista entro dicembre 2018. Renderemo agibili 52 alloggi». E in piena campagna elettorale si era mossa anche la politica con un sopralluogo del consigliere regionale Onorio Rosati. Dicembre 2018 è già passato da due mesi e la direzione Aler rassicura nuovamente che il cantiere procede e terminerà entro la fine del 2019. Speriamo sia la volta buona.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 07 Marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore