Quantcast

Piscina di Legnano, Radice: “L’obiettivo è un impianto nuovo in via Gorizia”

Questo il progetto dell'amministrazione con un partenariato pubblico privato. In attesa che la nuova piscina prenda forma la volontà è quella di non chiudere l’impianto e di effettuare piccoli interventi tampone

piscina di legnano

«Non servono divisioni: questa amministrazione ha a cuore la piscina di Legnano, come tutti gli impianti sportivi della città, e sta lavorando a un progetto di partenariato pubblico privato per dare una risposta che la città aspettava da oltre 20 anni». Così il sindaco Lorenzo Radice, interpellato a seguito del sopralluogo di atleti e genitori in via Gorizia, spiega come la sua giunta ha intenzione di approcciarsi rispetto ai problemi strutturali che stanno mettendo in apnea il nuoto legnanese.

L’obiettivo è quello di garantire una soluzione definitiva, che non sia solo una “toppa” temporanea. Per farlo l’amministrazione chiede l’aiuto di un privato che possa gestire e progettare la nuova piscina – che sarà sempre nel sito di via Gorizia – con un partenariato pubblico privato. Diversi operatori hanno già mostrato interesse, ora si aspettano i progetti. Naturalmente i tempi non potranno essere brevi. Almeno un paio di anni saranno necessari per un intervento di tale portata, per il quale – spiega il sindaco – «non basteranno 5 milioni ma ce ne vorranno almeno il doppio». «La nuova piscina dovrà essere strutturata per ospitare gli atleti e le loro squadre: il progetto di riqualificazione presentato dalla commissaria, che noi abbiamo messo nel cassetto, toglieva al contrario spazio allo sport, valorizzando le parti più ludiche. Non potevamo investire tre milioni di euro per un progetto non risolutivo».

E in attesa che la nuova piscina, che potrebbe anche mantenere alcune parti come ad esempio gli spogliatoi e il trampolino esterno vincolati dai beni culturali, prenda forma cosa succederà? «La nostra volontà – ha ribadito il sindaco – è quella di non chiudere l’impianto (oggetto di discussione nella burrascosa seduta del consiglio comunale di giovedì 28 aprile, ndr) ma di tenerlo aperto con un mix di interventi tampone, gestionali (di organizzazione delle vasche, ndr) e strutturali per mantenerla agibile, mentre cercheremo i fondi per sostenere i costi energetici della piscina esterna: per fare tutto questo dobbiamo remare tutti nella stessa direzione. Teniamo conto che l’amministrazione stanzia già un contributo da 200mila euro per la piscina. E se lo sport è una priorità, dobbiamo pensare a tutti gli sport: per questo abbiamo investimenti 5milioni per lo sport tutto  (destinati in base alle finalità richieste dai bandi) e abbiamo partecipato a un nuovo bando per ottenerne altri 2milioni e mezzo per la piscina».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 02 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore