Quantcast

Guasto al teleriscaldamento in via Cavour a Legnano

I lavori per riparare il teleriscaldamento sono stati ultimati intorno alle 19. Sono tornati attivi anche riscaldamento e acqua calda per gli utenti

guasto teleriscaldamento legnano

Nuovo guasto al teleriscaldamento in via Cavour a Legnano. Il malfunzionamento è stato segnalato dalla zona all’altezza della biblioteca civica e ha costretto Amga a sospendere temporaneamente il servizio, interrompendo l’erogazione del riscaldamento e dell’acqua calda sanitaria alle utenze della zona allacciate alla centrale di via per Busto Arsizio. Già a fine gennaio, peraltro, nella stessa zona era stato necessario l’intervento dei tecnici per sostituire un tratto di circa 20 metri della tubatura che era risultato danneggiato in più punti.

guasto teleriscaldamento legnano

Per toccare con mano l’entità del problema è stato necessario attendere il termine delle operazioni di scavo iniziate nel primo pomeriggio di oggi, martedì 8 marzo, per le quali via Cavour è stata chiusa al traffico. A provocare il guasto è stata la rottura di uno dei tubi in ferro che compongono la rete del teleriscaldamento: scartata la soluzione della riparazione visto che si parla di una tubatura che ha ormai “una certà età”, per sbloccare la situazione è stato necessario anche in questo caso sostituire l’intero tratto, lungo una quindicina di metri. I lavori la cui conclusione era prevista per le 21, sono stati ultimati intorno alle 19, orario in cui sono tornati regolari anche riscaldamento e acqua calda per gli utenti. «Ringraziamo i cittadini per la pazienza che hanno dimostrato – sottolineano da Amga – e il sindaco Lorenzo Radice che si è recato sul posto mentre gli operai erano al lavoro».

guasto teleriscaldamento legnano

Non c’è pace insomma per il teleriscaldamento, che nei giorni scorsi era già finito al centro delle polemiche per i rincari delle tariffe, dovuti in larga misura ai costi dell’energia schizzati alle stelle nelle ultime settimane e in parte anche ai cosiddetti certificati neri, le quote di emissione di gas serra che la società deve acquistare per ogni tonnellata di anidride carbonica che l’impianto emette, altra voce di costo che sta aumentando in maniera significativa. Il caro bollette era infatti finito nel mirino del Movimento dei Cittadini, nettamente rispedite al mittente prima dal sindaco, che aveva parlato di «populismo» e «speculazioni», e poi dalla stessa partecipata, che aveva smentito l’esistenza di problemi finanziari a carico della società.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 08 Marzo 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore