Quantcast

Casa del Volontariato: candidati sindaco divisi sulle priorità del momento e azienda So.Le.

Salute, ma anche ambiente, secondo i nostri politici, gli ambiti che necessitano di maggior attenzione. L'assenza di Carolina Toia oggetto di critiche da parte di alcuni colleghi candidati

Elezioni a Legnano

Se all’incontro al quartiere San Paolo un argomento che ha trovato d’accordo tutti i candidati sindaco l’abbiamo individuato nella necessità di un centro civico, più difficile individuarlo nella serata organizzata dalla  Casa del Volontariato, che ha visto l’assenza di Carolina Toia. Pensavamo, dopo i primi tre interventi, nel poterlo indicare nella Salute, quando ai candidati è stata chiesta la loro priorità d’intervento in questo momento, ma le successive risposte hanno centrato altre urgenze, eliminando così il punto d’incontro che pensavamo già il titolo adatto a questo servizio. Serata che, quindi, ha visto più divisi che uniti i nostri politici, anche se unanime è apparsa l’idea di un Terzo Settore assolutamente utile, necessario, fondamentale per la nostra quotidianità, per il mondo dei bisognosi e della fragilità. La galleria fotografica anche di questa campagna elettorale è firmata da Antonio Emanuele Pasquale.

Galleria fotografica

Elezioni a Legnano, incontro alla Casa del Volontariato 4 di 20

Il confronto al Centro Pertini ha superato le due ore e mezza di interventi sul mondo del volontario, del terzo settore, dello stato di bisogno della città e del territorio, con domande di profondo spessore sociale, assistenziale, civile. Genericamente, tutti i sei candidati presenti hanno definito questo ambito fondamentale per la nostra convivenza, anche se con qualche opinione diversa su come affrontare alcune problematiche.

Interessante, la domanda sulle priorità da assegnare in questo momento per la città di Legnano e
meritevoli di una maggiore attenzione da parte dell’amministrazione: salute; istruzione e formazione; lavoro e conciliazione tempi di vita; benessere economico; relazioni sociali; politica e istituzioni; sicurezza; benessere soggettivo; paesaggio e patrimonio culturale; ambiente; ricerca e innovazione; qualità dei servizi. Questi i settori indicati dalla Casa del Volontario. Ebbene, la salute è stato subito quello indicato da Radice (con rigenerazione urbana, benessere collettivo e lavoro immediatamente dopo), quindi da Rigamonti (con pari attenzione a istruzione, lavoro e ambiente ) e Colombo. Diverse le indicazioni di Brumana che ha parlato di aiuti economici dettati dall’emergenza covid, di eliminazione di sprechi, di scuola, di legalità e urbanistica. Priorità ai servizi sociali, ma anche all’ambiente e alla scuola (con il rilancio del medico scolastico), quelle segnalate da Bertolini, mentre Rogora, scherzando sul suo specifico riferimento politico, non ha potuto che indicare l’ambiente, variabile principale dell’argomento discusso.

Tema che ha diviso soprattutto i candidati, l’opportunità o meno di proseguire l’esperienza con l’azienda So.Le. Radice è stato il più deciso: «Noi saremo drastici nell’affidare all’azienda tutti i servizi sociali nei cinque anni di mandato». Secondo Rigamonti siamo a un bivio: «Annulliamo tutto oppure ci buttiamo dentro con decisione per portare a casa obiettivi importanti». Colombo approva la decisione di proseguire l’esperienza, ma «scorporerei l’ambito scolastico».  Azienda So.Le. bocciata da Brumana che, per esperienza professionale, trova nell’istituzione lacune soprattutto in ambito di affido minorile: «A volte, esagero, l’azienda appare come l’uomo nero e questo non va bene – ha affermato il leader dei Movimento dei cittadini – . Di sicuro, va controllata nella sua economicità e nelle sue professionalità, mancando di alcune figure importanti». Secondo Bertolini, necessaria una forma diversa dal voucher, come erogazione dei servizi e in ogni caso «il ruolo del Comune deve essere sempre centrale e non deve delegare ad altri certe competenze». Infine, Rogora per il quale «le risorse vanno condivise. L’azienda non sarà perfetta, ma ci sono necessità che devono essere affrontate in maniera comune con i nostri vicini».

Ad accendere l’incontro, già nella presentazione della dr.ssa Rosa Romano, presidente della Casa del Volontariato, la sedia rimasta vuota, per l’assenza di Carolina Toia, leader del centrodestra, impegnata in una serata conviviale organizzata contemporaneamente dalla Lega per la sua campagna elettorale. Tra gli ospiti, Giancarlo Giorgetti, Attilio Fontana e Massimo Garavaglia.

«Oggi, qualcuno parlerà al posto di Carolina Toia e ho il timore che anche in futuro qualcun altro parlerà per lei. Qualcuno al quale, forse, noi abbiamo tolto la parola», il commento pungente di Simone Rigamonti, mentre Lorenzo Radice ha ricordato che «noi tutti ci stiamo sottoponendo a uno speciale Trittico Lombardo. Tutti noi stiamo gestendo le nostre agende con difficoltà. Voglio ringraziare i candidati qui presenti per l’impegno in questi otto incontri negli quali, forse, non siamo sempre a nostro perfetto agio, ma ci veniamo e ci mettiamo la faccia». Le risposte alle domande proposte dalla Casa del Volontariato sono state inviate per scritto da Carolina Toia e sono state lette al termine dei vari interventi.

Da segnalare che l’incontro di lunedì 14 organizzato da Ciclofficina RiCiclo è stato annullato per le assenze preannunciate da Carolina Toia e Franco Colombo: «Con solo cinque presenze, abbiamo preferito cancellare la serata», l’espressione delusa di un organizzatore.


In mattinata, le precisazioni dell’ufficio stampa di Carolina Toia: “La serata è sta certamente conviviale, ma con la presenza di oltre cento partecipanti tra artigiani, commercianti, imprenditori, professionisti e partite iva. Inoltre la serata non è stata organizzata dalla Lega, non era targata con simbolo”.
La candidata ha inoltre motivato l’assenza alla Casa del Volontariato, attraverso una dichiarazione in video postato sulla sua pagina facebook, cliccare qui

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 11 Settembre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Elezioni a Legnano, incontro alla Casa del Volontariato 4 di 20

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore