Quantcast

Siccità, Busto Garolfo frena gli sprechi di acqua

L'ordinanza del sindaco contro la siccità suggerisce anche di limitare l'uso dei condizionatori, soprattutto di notte e nella stanze meno usate

acqua

Stop al lavaggio delle auto e dei cortili, all’annaffiatura di orti e giardini e al riempimento di piscine dalle 7 alle 21 contro la siccità. Dopo il decreto con cui il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha dichiarato lo stato di emergenza regionale fino al prossimo 30 settembre per fronteggiare la crisi idrica, Busto Garolfo ha optato per un giro di vite rispetto all’utilizzo dell’acqua e il sindaco Susanna Biondi ha messo nero su bianco le regole alle quali i cittadini dovranno attenersi in un’ordinanza ad hoc, come peraltro caldeggiato proprio dal Pirellone.

Palazzo Molteni, a causa «della forte siccità» e della «conseguente carenza idrica che sta caratterizzando l’attuale periodo», ha deciso di «adottare misure finalizzate a governare l’utilizzo delle risorse idriche disponibili, al fine di garantire a tutti i cittadini di poter soddisfare i fabbisogni primari per l’uso alimentare, domestico ed igienico». E in quest’ottica ha imposto a tutta la cittadinanza di evitare dalle 7 alle 21 «l’innaffiamento di orti e giardini, il lavaggio di aree cortilizie piazzali, il lavaggio di veicoli privati (con l’eccezione degli autolavaggi, ndr) e il riempimento di piscine private ad uso domestico anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua».

siccità

Con l’ordinanza a firma del primo cittadino è arrivato anche l’invito ai cittadini «ad un uso razionale e corretto dell’acqua» per evitare «inutili sprechi», ad esempio controllando che gli impianti idrici e di irrigazione funzionino correttamente, usando frangigetto per i rubinetti, utilizzando lavatrici e lavastoviglie a pieno carico, preferendo la doccia al bagno, chiudendo i rubinetti quando ci si lava i denti o ci si rade, usando l’acqua corrente solo per il risciacquo e non per il lavaggio di piatti e verdure e l’acqua di cottura per annaffiare le piante e ricorrendo il più possibile a fonti idriche alternative per l’innaffiamento di campi sportivi in terra battuta.

Non solo. Contro la siccità il provvedimento suggerisce anche di limitare l’uso dei condizionatori, di impostare la temperatura dell’aria condizionata a non meno di 27 gradi, di controllare almeno una volta all’anno i filtri degli impianti, di fare attenzione alle dispersioni di aria fredda, di abbinare o alternare l’uso di ventilatori e di limitare l’accensione nelle ore notturne e nelle stanze poco utilizzate.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 29 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore