Quantcast

Omicidio Maltesi, interrogato Davide Fontana: “Sono un vigliacco”

Nell'interrogatorio durato cinque ore, il 43 enne che ha ucciso e fatto a pezzi la vicina di casa Carol Maltesi a Rescaldina si è dato più volte del vigliacco

davide fontana omicidio carol maltesi

«Sono un vigliacco, mi vergogno per ciò che ho fatto e per non avervi chiamato subito». Sono queste le parole pronunciate da Davide Fontana, il 43 enne che ha ucciso e fatto a pezzi la vicina di casa Carol Maltesi a Rescaldina, al Procuratore di Busto Arsizio Carlo Nocerino.

Fontana è stato interrogato per cinque ore nel carcere di Brescia e secondo quanto ha detto all’ANSA il suo avvocato difensore Stefano Paloschi «ha risposto a tutte le domande degli inquirenti e si è detto assolutamente pentito».

Durante l’interrogatorio «ha avuto un crollo emotivo» e «si è dato più volte del vigliacco per non aver avuto il coraggio di chiamare subito le forze dell’ordine». Nelle cinque ore di colloquio, gli inquirenti hanno cercato riscontri rispetto alle prove del delitto repertate a casa della vittima e a quanto già detto in precedenza dallo stesso Fontana.

Paloschi, avvocato d’ufficio dal giorno dell’arresto del 43 enne, è stato nominato legale di fiducia.

I pupazzi e il palo della lap dance, Procura e Scientifica nella casa di Rescaldina dove è stata uccisa Carol

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 06 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore