Quantcast

Parabiago, via libera al bilancio di previsione e al documento unico di programmazione

Il semaforo verde a DUP e bilancio è arrivato però con i soli voti favorevoli della maggioranza, mentre PD e riParabiago hanno votato contro

consiglio comunale parabiago

Via libera dal consiglio comunale di Parabiago alla nota di aggiornamento al documenti unico di programmazione e al bilancio di previsione. Il semaforo verde è arrivato però con i soli voti favorevoli della maggioranza, mentre Partito Democratico e riParabiago si sono mostrati critici soprattutto su alcuni “nodi” che non ritengono sciolti dal DUP.

A fare la parte del leone tra le spese sono le voci legate ai diritti sociali e alle politiche sociali per la famiglia, che in tutto rappresentano il 31% delle uscite correnti, seguite dai servizi generali di gestione, per i quali si prevede di spendere il 21% del bilancio, e dallo sviluppo sostenibile e dalla tutela del territorio e dell’ambiente, cui è destinato il 20% delle risorse. Tra gli investimenti, invece, la voce più rilevante è quella dei trasporti e del diritto alla mobilità, cui sarà destinato il 56% della spesa.

L’amministrazione ha inoltre scelto di mantenere le aliquote IMU «pressoché invariate» anche per il 2022 e di confermare l’aliquota unica dell’0,8% per l’addizionale comunale IRPEF. Quanto ai servizi comunali, «la maggior parte delle tariffe relative ai servizi a contribuzione – ha spiegato l’assessore al bilancio Mario Almici – verranno aumentate del 2,6% sulla base dell’indice Istat, con l’eccezione dei servizi mutati a seguito della pandemia o di nuova attivazione. Anche per quanto riguarda le tariffe dei servizi a domanda individuale, nella maggior parte dei casi verranno aumentati dell’indice Istat ad eccezione della casa di riposo, per la quale è prevista l’introduzione di una nuova tariffa per i nuovi ingressi e per gli ospiti non residenti, del centro diurno e dell’utilizzo delle sale di Villa Corvini, che è un servizio di nuova attivazione».

Tra le opere pubbliche previste dal piano triennale 2022/2024, infine, spiccano i 5 milioni di euro destinati alla realizzazione del nuovo polo scolastico alla scuola Rancilio di Villastanza, i 450mila euro circa stanziati per la riqualificazione di piazza Maggiolini e i 1.234.000 euro di manutenzione straordinaria di strade, piazze e marciapiedi e per la realizzazione di nuove strade. In programma anche investimenti per 360mila per l’abbattimento delle barriere architettoniche, l’efficientamento energetico della RSA comunale con spese di 130mila mila euro per ciascuna annualità, interventi di adeguamento degli impianti sportivi cittadini per 250mila euro, la riqualificazione della recinzione del cimitero del capoluogo per 197mila euro e l’efficientamento energetivo e la sistemazione della copertura della piscina comunale per 150 mila euro.

«Ci aspetta un anno intenso e importante per le sfide che il PNRR pone alle amministrazioni comunali – ha sottolineato il sindaco Raffaele Cucchi -. Tutti noi dobbiamo impegnarci per l’obiettivo che lo Stato ha deciso di affrontare accogliendo le somme messe a disposizione da Bruxelles ed essere parte attiva nel far ricadere questi soldi sul nostro territorio perché vuol dire contribuire al rilancio del nostro Paese». «L’approvazione del bilancio in tempi corretti non è un elemento di poco conto – ha fatto eco l’assessore alla partita -, in quanto permette all’ente di essere operativo già a partire dai primi giorni di gennaio 2022. Questo significa l’attuazione di progetti e programmazione amministrativa tempestiva e puntuale, ovvero un’efficienza amministrativa non data per scontata».

Dai banchi dell’opposizione, però, è arrivato il pollice verso. I Dem hanno puntato il dito contro la mancanza di «una politica più inclusiva a favore degli stranieri» con iniziative che garantiscano «il loro diritto alla piena partecipazione alla vita scolastica e sociale» e la scelta di non prevedere soglie di esenzione rispetto all’aliquota unica IRPEF, mentre riParabiago ha sottolineato che il documento unico di programmazione «dovrebbe dare la visione di città che l’amministrazione ha e vuole realizzare» mentre dal DUP parabiaghese tutto questo «non traspare»: un esempio su tutti per i civici è la mancanza di un «centro città con funzione di polo di interesse e di aggregazione», per la quale non si mettere nero su bianco «come può cambiare la situazione»

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 24 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore