Quantcast

Cerro Maggiore conferma la Sagra di San Bartolomeo con il braccialetto per controllare i green pass

Per semplificare i controlli legati al green pass, chi parteciperà agli eventi in programma per la Sagra di San Bartolomeo a Cerro Maggiore verrà munito di un apposito braccialetto

sagra san bartolomeo cantalupo

Il green pass obbligatorio per fiere e sagre non cambia i programmi di Cerro Maggiore, che conferma per fine agosto la Sagra di San Bartolomeo, appuntamento “cult” dell’estate per la frazione di Cantalupo e non solo organizzato dal circolo culturale Il Campanile. E per semplificare i controlli delle certificazioni verdi, che nel nostro territorio hanno già fatto altre “vittime eccellenti” come la Fiera di San Fermo a Nerviano, a chi vorrà entrare nell’area della festa verrà fornito un braccialetto che permetterà di snellire le verifiche e di non doverle ripetere da capo ad ogni nuovo accesso.

Per non rinunciare alla sagra e studiare la formula organizzativa migliore nelle scorse settimane Palazzo Dell’Acqua aveva scritto anche alla Prefettura di Milano, sottoponendo a Corso Monforte due quesiti per chiarire gli aspetti più controversi della normativa. E la soluzione, alla fine, è arrivata sotto forma di un «braccialetto permanente che verrà messo al polso delle persone che vorranno accreditarsi ai punti informativi green pass che verranno predisposti all’interno dell’area della festa – spiega il sindaco Nuccia Berra -. Il braccialetto in questione garantirà un’attività di controllo meno gravosa sia alla Polizia Locale che agli organizzatori e, al tempo stesso, darà la possibilità agli utenti di non essere controllati ripetutamente ad ogni ingresso, su ogni giostra o mentre fanno acquisti in fiera. Nei nostri pensieri questo “gadget” garantirà uno snellimento delle procedure introdotte dal decreto legge sul green pass, mantenendo inalterato il presupposto legislativo».

La Sagra di San Bartolomeo si aprirà venerdì 27 agosto con una serata di musica in piazza Don Carlo Bianchi, mentre sabato 28 gli spettacoli inizieranno all’ora dell’aperitivo e proseguiranno con il concerto del Corpo Musicale Cittadino. Domenica 29 sarà la volta della tradizionale Fiera delle Merci su via San Bartolomeo e via Risorgimento, con la messa solenne, l’intrattenimento per bambini in piazza Don Bianchi e spettacoli fino a sera. La fiera proseguirà lunedì 30 e nel pomeriggio riprenderanno anche le esibizioni in piazza. A questo calendario si affiancheranno per tutto l’arco della manifestazione il luna park tra via Risorgimento e via Ungaretti e le attività di ristorazione organizzate dalla parrocchia in oratorio.

Per partecipare ai diversi eventi in programma durante la sagra, oltre alla certificazione verde servirà anche la mascherina: come per la Fiera di San Francesco, infatti, anche in questo caso nel perimetro della manifestazione sarà necessario indossare il dispositivo di protezione individuale nonostante la location all’aperto in base ad un’ordinanza del sindaco, dal momento che, nonostante gli accorgimenti adottati nell’organizzazione delle postazioni per i banchi degli ambulanti, difficilmente sarà possibile rispettare il distanziamento sociale. Saranno i controlli a campione della Polizia Locale a verificare il rispetto di tutte le misure, nazionali o comunali, adottate in vista della sagra, mentre a presidio degli accessi ci sarà anche la sezione Lombardia dell’Associazione Corpo Nazionale Guardiafuochi.

«Non tutti apprezzeranno queste restrizioni, ma avevamo solo due possibilità: fare o non fare la festa – sottolinea la prima cittadina -. Abbiamo voluto farla ed assumerci tutti gli oneri della decisione. Già in questi giorni ricevo diversi commenti critici da alcuni NoVax. Mi dispiace, ma non possiamo fermarci. Troppi miei concittadini hanno vissuto le problematiche del Covid ed al tempo stesso dobbiamo riprendere una nuova normalità. Il mio compito è trovare il giusto compromesso. La tanto bistrattata ordinanza sulle mascherine per la Fiera di San Francesco ha dato risultati ottimi, infatti negli ultimi quindici giorni il numero dei contagiati a Cerro e a Cantalupo è sempre lo stesso, anzi è leggermente diminuito. Serve ancora tanta pazienza e impegno, ma dobbiamo vincere questa sfida».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 15 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore