Quantcast

Busto Garolfo, più di due milioni di euro in tre anni per scuole, strade e impianti sportivi

Via libera in consiglio comunale a Busto Garolfo all'aggiornamento al documento unico di programmazione e al relativo piano triennale delle opere pubbliche

comune busto garolfo

Più di due milioni di euro in tre anni, quasi tutti investiti su scuole, strade e impianti sportivi. Il Covid costringe i comuni a stringere i cordoni ma non ferma la progettazione di nuove opere pubbliche a Busto Garolfo, per la quale la giunta Biondi, che nei giorni scorsi ha incassato il via libera del consiglio comunale alla nota di aggiornamento al documento unico di programmazione, spera di incassare anche finanziamenti e contributi lungo la via.

Per quest’anno l’investimento principale messo in cantiere da Palazzo Molteni riguarda l’adeguamento alle norme di sicurezza e l’efficientamento energetico del plesso scolastico di via Pascoligià interessato da lavori per quasi 800mila euro finanziati in larga misura tramite un bando regionale -, per una spesa di circa 352mila euro, interamente coperta da un contributo del Gestore Servizi Energetici. Altra voce di spesa a sei cifre quella prevista per la manutenzione, ristrutturazione e ricostruzione delle ex scuderie di Villa Brentano, per le quali con circa 235 mila euro (80 mila dei quali finanziati dal GSE) si punta a completare la riqualificazione interna del corpo già interessato da lavori all’esterno e a procedere all’efficientamento energetico di quello che ospita la vecchia sala consiliare.

In programma ci sono poi la riqualificazione energetica del comune per 80mila euro (con 75mila euro di contributo ministeriale), manutenzioni stradali e nuovi semafori intelligenti per la riduzione della velocità in via Alfredo di Dio per 35mila euro (con 15 euro di contributo ministeriale), un intervento da 27mila euro per rendere autonomi dalle scuole gli spogliatoi del campo di via Pascoli, efficientamenti energetici e modernizzazioni agli impianti sportivi per poco meno di 52mila euro (grazie al ristoro ottenuto dal GSE per i lavori al centro sportivo comunale), e la progettazione del nuovo palazzetto dello sport per 50mila euro.

Per il prossimo anno, poi, è prevista la riqualificazione dell’area di proprietà comunale in zona lavatoio per poco meno di 130mila euro, la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport per 950 mila euro, manutenzioni stradali ed impianti semaforici intelligenti per 77mila euro (con 70mila euro di contributo ministeriale), la riqualificazione dell’impianto di illuminazione pubblica per 30mila euro (con 20mila euro di contributo ministeriale) e la ristrutturazione del fabbricato in parte crollato della ex Pessina per destinarlo ad uso pubblico. Ancora in larga misura da definire la programmazione per il 2023, che al momento vede in agenda solo manutenzioni stradali e nuovi impianti semaforici intelligenti per 70mila euro e interventi all’impianto di illuminazione pubblica per 20mila euro grazie ad un contributo ministeriale da 90mila euro.

La programmazione dei lavori pubblici, inserita nella nota di aggiornamento al documento unico di programmazione, è stata approvata con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione dell’opposizione, che per bocca del capogruppo Angelo Pirazzini ha definito «ambiziosi» gli obiettivi messi in cantiere dalla giunta e ne ha «apprezzato la progettualità», pur sollevando «qualche dubbio sulla copertura finanziaria».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 05 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore