Quantcast

Cerro Maggiore fa squadra con l’Ente Morale per i bambini esclusi dall’asilo

I bimbi rimasti senza posto alle materne Tobagi e Don Luzzini potranno frequentare solo per quest'anno la scuola dell'Infanzia Bernocchi con una retta agevolata

ripartenza all'asilo della Rasa

Arriva una soluzione alternativa per i bimbi di Cerro Maggiore che erano rimasti senza un posto alla scuola dell’infanzia statale Tobagi a causa dell’emergenza sanitaria e per i dieci bimbi in lista d’attesa alla scuola dell’infanzia paritaria comunale Don Angelo Luzzini. Nei giorni scorsi, infatti, l’amministrazione comunale ha siglato un accordo con l’Ente Morale “Asilo infantile di San Vittore Olona” che permetterà ai piccoli alunni rimasti letteralmente senza banco di iscriversi alla scuola dell’infanzia paritaria Bernocchi del paese pagando una retta mensile di 87 euro più il costo dei pasti, la stessa quota richiesta all’asilo Don Angelo Luzzini.

Per garantire il rispetto dei protocolli anti-Covid, infatti, la direzione dell’istituto comprensivo Robino ha dovuto ridimensionare nelle scuole il numero di studenti accolti da ogni sezione o gruppo, con il risultato che alla materna Tobagi non è stato possibile accogliere gli anticipatari del 2018, nonostante l’iscrizione regolarmente effettuata nei termini previsti. Al termine delle iscrizioni, peraltro, anche alla scuola dell’infanzia Don Angelo Luzzini dieci bimbi erano rimasti in lista di attesa. Così l’amministrazione, per «offrire un’alternativa alle famiglie dei bambini residenti», ha proposto all’Ente Morale che gestisce la scuola dell’infanzia paritaria Bernocchi un accordo «sulla base di una reciproca collaborazione e di un reciproco sostegno».

L’accordo prevede, per l’appunto, che chi ha iscritto i propri figli alla scuola dell’infanzia statale o comunale nei termini ma è rimasto in lista di attesa potrà fare domanda alla materna Bernocchi usufruendo, solo per quest’anno, di una retta agevolata di 87 euro al mese, alla quale andranno aggiunti i costi dei pasti. Ovvero la stessa retta richiesta dall’asilo Don Luzzini.

«Il progetto è stato accettato pienamente dal comitato di amministrazione dell’ente e dalla coordinatrice didattica, Giuseppina Marchini – spiega il sindaco, Nuccia Berra -, per evidenziare ancora una volta lo stretto sodalizio tra i due enti e garantendo al tempo stesso un’immediata soluzione per tutte quelle famiglie che, trovatesi nell’imprevista situazione di non avere una collocazione per i loro bimbi, avevano lanciato un grido d’aiuto. Il progetto in questione non prevede oneri a carico del comune. Credo che la soluzione raggiunta sia ottima, sia per la velocità con cui si è mossa la mia amministrazione comunale, sia per la risposta arrivata dall’Ente Morale che ha sancito un principio di reciprocità e mutuo soccorso verso le difficoltà manifestare nell’emergenza sanitaria. L’Ente Morale ha ricevuto molto dalla nostra comunità e recentemente ha avuto significative difficoltà, ma abbiamo avuto la forza di trovare una soluzione per superare le criticità e oggi il supporto a questo progetto dimostra che abbiamo agito bene, nell’interesse del futuro della nostra comunità e per la salvaguardia dei nostri valori e della nostra storia».

Nei giorni scorsi, peraltro, l’amministrazione cerrese ha fatto visita alle scuole paritarie gestite dall’Ente Morale, con il quale sta valutando l’avvio di nuovi progetti. L’attuale presidente del consiglio di amministrazione, Corrado Colombo, «ha già voluto incontrarci – sottolinea la prima cittadina – per manifestare il desiderio di operare con sempre maggiore comunicazione con l’utenza ed i comuni, superando la fase critica dei mesi scorsi connessa alla pandemia con nuove e tangibili azioni concrete».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore