Amianto abbandonato a Rescaldina, Codacons presenterà esposto in Procura

L'associazione di consumatori annuncia di voler presentare un esposto in Procura e una diffida ad ARPA per l'amianto abbandonato a Rescaldina

amianto nel verde a Rescaldina

Continuano a far discutere le lastre di amianto abbandonate da febbraio nel verde tra via Balbi e via Etna a Rescaldina. Lo scarico abusivo al confine con Marnate nei giorni scorsi era già diventato un caso politico in paese, con il Movimento 5 Stelle che aveva presentato un’interrogazione in consiglio comunale per conoscere le misure adottate dalla giunta di Gilles Ielo per mettere in sicurezza l’area, impedire l’avvicinamento all’eternit e rimuoverlo.

Ora, invece, è il Codacons a tenere banco sulla vicenda, preannunciando un esposto in Procura e una diffida all’ARPA. «Nei giorni scorsi presso la località di Rescaldina si percepivano forti odori molesti. Oggi sussiste anche questa situazione – commenta il presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli -. Presenteremo esposto in Procura e diffida all’ARPA. Si provveda a far conoscere ai cittadini i rischi derivanti da tale grave episodio: è necessario che essi vengano informati su eventuali danni alla propria salute e che si intervenga con maggiori controlli al fine di evitarli».

L’associazione dei consumatori, peraltro, aveva già messo nel mirino anche le segnalazioni di odori molesti arrivate sempre da Rescaldina, a loro volta oggetto di un’interrogazione pentastellata nell’ultimo consiglio comunale. Anche in quel caso, nonostante l’iter seguito dal comune e i prossimi controlli che interesseranno tre aziende che potrebbero essere la fonte della molestia olfattiva, il Codacons aveva invitato Piazza Chiesa a «porre maggiore attenzione alle esigenze dell’ambiente e alla salute dei cittadini».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 30 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore