Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La Banca BCC ricorda Giorgio Francesco Rossi

«Giorgio è prima di tutto un amico, che in questi anni molto ha dato alla nostra Bcc e la cui competenza e disponibilità già ci manca. Ci ha lasciati nella notte tra venerdì e sabato: il suo fisico ha perso la battaglia con una malattia che non è riuscita a piegare il suo spirito bonario, la sicurezza nelle cose da fare e l’allegria per la voglia di vivere che ha sempre saputo infondere a chi lo ha conosciuto».

Roberto Scazzosi, presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, così ricorda figura di Giorgio Francesco Rossi, commercialista varesino, che è stato presidente del collegio sindacale della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate dal 2005 al 2008 e sindaco effettivo dal 2009.

Domani, all’assemblea ordinaria e straordinaria della Bcc in programma al teatro Sociale di Busto Arsizio, un mazzo di fiori sul tavolo di presidenza, nel posto che per tanti anni è stato occupato da Giorgio Rossi, sarà l’affettuoso saluto che gli rivolgeranno i soci della banca.

«Noi tutti del consiglio di amministrazione, io per primo, abbiamo avuto la fortuna di stargli vicini per oltre dieci e di imparare molto dal suo modo di affrontare la vita e dalla puntigliosa e competente attenzione che metteva in ogni lavoro o impegno di cui dovevamo occuparci -prosegue Roberto Scazzosi-. Del resto, se la nostra Bcc di oggi è questa bella realtà in cui operiamo, è merito anche suo e del mondo che da sempre rappresentava: quello dell’associazione dei artigiani. E’ proprio in virtù del percorso fatto all’inizio del millennio con l’Unione degli Artigiani della Provincia di Varese, lo stesso che ha contribuito a trasformare il nostro istituto da banca dei campanili a banca dei territori, che Giorgio Rossi è arrivato nel nostro consiglio di amministrazione. Giorgio mi mancherà e, sono certo, mancherà a tutti coloro che l’hanno conosciuto".