Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Meningite? #ioVaccino

  • LEGNANO
  • martedì 10 gennaio 2017
  • 16192 Letture

"Non esiste alcuna epidemia di meningite e la situazione è sotto controllo". Anche nel pomeriggio, il dott. Paolo Viganò, primario del reparto Malattie Infettive dell'ospedale di Legnano, con pazienza, tranquillizza il cronista sulla situazione dopo il secondo caso di meningite registrato sul territorio (qui un precedente servizio).

«Preoccupa la meningite, per la quale comunque è stata attivata la prevista profilassi - prosegue il medico - ma per il paziente di Canegrate c'è attenzione anche per la sepsi. Se ne parla meno, ma merita pari considerazione».

«E per favore - aggiunge il dr. Viganò - non tiriamo in ballo adesso la questione migranti, come portatori del batterio della meningite. Niente di più falso! Il problema è un altro. Bisogna con calma riprendere la cultura del vaccino. Organizzarci perchè la struttura sanitaria pubblica sappia esattamente la situazione del territorio. Così qualche rischio ci sarà sempre, ma nell'ottica della protezione globale saremo ben tutelati. Il vaccino certamente come rassicurazione personale, ma soprattutto come progetto sociale per una tutela generale della popolazione. Il vaccino, deve essere chiaro, non è una questione di terapia, ma di sanità pubblica!».

Proprio in questo contesto, ricordiamo che da gennaio in Lombardia chiunque ne farà richiesta potrà accedere al vaccino contro il meningococco a prezzo scontato. 

«Regione Lombardia a partire da gennaio 2017, offrirà il vaccino per la protezione individuale nei confronti dei ceppi di meningococco (A/B/C/W/Y), in co-pagamento, a chiunque ne faccia richiesta. ATS e ASST già dai prossimi giorni saranno pronte a prenotare e eseguire le vaccinazioni». Lo ha confermato l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera che ha spiegato pure come «il costo del vaccino a carico del cittadino sarà pari al prezzo di acquisto sostenuto da Regione Lombardia senza ulteriore ricarico. A questo andrà aggiunto il costo di somministrazione definito dal Tariffario delle prestazioni e degli interventi erogati dal Dipartimento di Prevenzione Medico delle Aziende Sanitarie Locali e alcuni costi organizzativi con un risparmio per i cittadini che andrà dal 30 al 60 per cento».

L'immagine è stata ripresa da  https://m.facebook.com/iovaccino/ e per altre informazioni cliccare ancher qui http://www.iovaccino.it/

Per ulteriori dettagli sul vaccino anti-meningococco C, clicca qui

(Marco Tajè)