Quantcast

Teleriscaldamento “tagliato” a Legnano, la Sinistra: «Inquilini anello debole»

Dopo il taglio del teleriscaldamento alla case Aler di via Sauro, la candidata della Sinistra punta il dito contro "bollette pazze" ed acqua fredda

teleriscaldamento case aler via sauro legnano

Fa discutere il distacco dei primi contatori del teleriscaldamento delle case Aler di via Sauro a Legnano. Nei giorni scorsi Amga, comune di Legnano e la stessa Aler hanno interrotto la fornitura a cinque inquilini morosi, segnando di fatto un cambio di passo nella strategia per il recupero del debito accumulato a causa delle bollette non pagate. Che poche non erano, dal momento che la cifra complessiva dovuta ad Amga ammonta a 400mila euro. Ma il pugno duro della partecipata ha fatto nascere qualche perplessità nella Sinistra e nella sua candidata per le prossime elezioni amministrative, Lucia Bertolini.

«Bisogna andare un po’ indietro nel tempo, quando con il Contratto di Quartiere si mise mano alla riqualificazione degli edifici – sottolinea l’aspirante prima cittadina -. In quell’occasione venne proposto agli inquilini di passare dalla caldaietta individuale al teleriscaldamento, assicurando che sarebbe stato un gran risparmio per tutti. Detto, fatto: eliminate le caldaiette e posate le tubature, per l’ultimo tratto e gli allacciamenti doveva provvedere Aler. E qui cominciano le dolenti note. Non è dovuto trascorrere molto tempo perché cominciassero ad emergere le magagne: l’acqua arrivava pressoché fredda, soprattutto ai piani alti, e le bollette sono esplose. “Bollette pazze” sono state chiamate da subito. Perché tutto il calore se ne andava via nell’ultimo tratto, quello realizzato da Aler e non coibentato, perciò gli inquilini si vedevano recapitare bollette da centinaia di euro per … l’acqua fredda».

“Bollette pazze” e acqua fredda, peraltro, erano già state segnalate a più riprese anche dal Comitato Laboratorio di Quartiere di Mazzafame, che lo scorso anno per aveva provato a rivolgersi anche al commissario prefettizio, Cristiana Cirelli, per chiedere un intervento rispetto alle problematiche legate al teleriscaldamento in via Sauro.

«Per anni gli inquilini hanno lottato perché si mettesse fine a questa situazione: anni in cui è stato fatto qualche sopralluogo che ha confermato la responsabilità di Aler nel disastro e sono state fatte tante promesse non mantenute, sia da parte di Aler sia da parte dei sindaci che si sono succeduti – conclude Lucia Bertolini -. Qualcuno si è arreso e paga, qualcun altro no. Qualcuno magari in questa situazione cerca anche di fare il furbo, e non va bene. Intanto però il debito è lievitato. Ma chi deve pagare? Gli inquilini truffati o Aler? Chi approfitta del “bene comune”: gli inquilini o Aler? Chi è rimasto impunito: gli inquilini o Aler? Perchè Amga non si rifà su Aler, invece di chiedere agli inquilini di pagare a peso d’oro un servizio di pessima qualità? Forse perché sono gli inquilini l’anello debole di tutta la vicenda?».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 16 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore