Quantcast

Case Aler Mazzafame: “Passano i sindaci ma i problemi restano”

Il Comitato Laboratorio di Quartiere Mazzafame di Legnano si appella alla sensibilità del Commissario affinchè vengano risolti i problemi delle case Aler

Il Comitato Laboratorio di Quartiere Mazzafame di Legnano si appella alla sensibilità del Commissario Prefettizio affinchè vengano risolvati i problemi che ormai da troppi anni affliggono i residenti delle care Aler del rione. «Nonostante il Contratto di Quartiere e le ristrutturazioni operate sugli edifici – scrive il Comitato in una acorata lettera –  la situazione dei residenti non è migliorata, anzi». Tra i problemi più evidenti c'è ancora  il teleriscaldamento che «avrebbe dovuto far risparmiare un sacco di soldi alle famiglie, invece è stato solo l’inizio di un’odissea di cui non si vede la fine. Bollette pazze, acqua calda assente, continue disfunzioni nell’erogazione del calore e sostituzioni continue di scambiatori»

[pubblicita]Dopo diverso tempo, e «la colpa palleggiata tra Aler e Amga», il malfunzionamento – spiega il Comitato «era stato attribuito alla mancata coibentazione delle tubature, con relativa dispersione del calore, ed era stato promesso un intervento che avrebbe rimesso tutto a posto. Sono anche stati stanziati i fondi necessari all’intervento, ma a distanza di anni, ancora il problema non è risolto. I lavori non sono neanche mai iniziati». 

«Intanto – prosegue ancora il Comitato – il debito che Aler ha accumulato nei confronti di Amga ammonta ormai a circa mezzo milione di euro, e sembra improbabile che Aler, nella situazione finanziaria in cui versa, possa far fronte al debito che essa stessa, non vigilando (o peggio) sui lavori a suo tempo effettuati, ha causato».

Ma se quello del teleriscaldamento è il problema più grave, il Comitato non tralascia le altre questioni che affliggono gli inquilini. «Che dire dell’illuminazione degli spazi comuni, funzionante ad intermittenza? – le domande ancora senza risposta – dei cancelletti senza serratura e delle fotocellule dei cancelli perennemente guaste? della manutenzione approssimativa e della mancata disinfestazione del verde? dei parcheggi non delimitati, dei citofoni non funzionanti …?»

Quindi la domanda finale: «Dobbiamo confidare nella sensibilità del commissario prefettizio o attendere le passerelle con contorno di promesse in vista delle prossime elezioni amministrative?»

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 25 Giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore