Elezioni comunali, primo turno e ballottaggio entro settembre

L'indicazione contenuta in una bozza del documento preparato dal Comitato Tecnico Scientifico e che verrà inviato al Governo. Si voterà in due giorni

Elezioni 2019

Primo turno delle elezioni comunali ed eventuale ballottaggio entro il mese di settembre. E’ questa l’indicazione del Comitato Tecnico Scientifico della Protezione civile nazionale, contenuta nella bozza pronta per diventare il documento che sarà inviato al Governo.

Le consultazioni saranno organizzate su 2 giornate di voto «al fine di distribuire in maniera più omogenea la fruizione dei seggi elettorali ed evitare, in questo modo, eventuali picchi di affluenza. Sarà indispensabile garantire il rispetto delle corrette prassi igieniche, garantendo la disponibilità e l’utilizzo presso le sedi elettorali di mascherine e guanti per poter maneggiare le matite copiative per espressione delle preferenze, indispensabile anche garantire il distanziamento sociale per i membri della Commissione elettorale e procedere all’areazione frequente degli ambienti sedi dei seggi elettorali. Sarà altresì indispensabile fornire in ciascun seggio prodotti per la sanificazione, necessari anche per le attività di identificazione degli elettori».

«Evitare gli assembramenti da parte dei rappresentanti di lista, a cui comunque deve essere assicurata la funzione istituzionale di assistere alle operazioni di voto e scrutinio – queste altre indicazioni del Comitato – . Necessario provvedere al potenziamento del personale delle forze di polizia e delle forze armate presso le sedi elettorali per contenere ed impedire eventuali assembramenti all’interno e all’esterno delle scuole sedi di seggio. Necessario garantire il distanziamento sociale e l’obbligo di utilizzo di mascherine durante lo spoglio delle schede. Indispensabile effettuare lo spoglio delle schede con i guanti. Durante le operazioni di voto, le schede con le preferenze espresse vanno ripiegate ed inserite nell’urna direttamente dall’elettore, senza toccare la feritoia o l’urna medesima. Identificazione, quando tecnicamente possibile, di percorsi di ingresso e uscita dai seggi elettorali separati e contrapposti».

Indicazioni, ripetiamo, ancora e solo contenute in una bozza che tralascia la fase della campagna elettorale, quando si dovranno raccogliere le firme, quando si svolgeranno i comizi, quando si volgeranno dibattiti e confronti tra candidati in formale ‘stato d’emergenza’:  «E’ gravissimo che gli oggettivi impedimenti dovuti all’emergenza sanitaria finiscano per negare parità di accesso alla competizione elettorale». Lo dichiara, ad esempio, in una nota Riccardo Magi, deputato di +Europa Radicali

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 25 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore