Quantcast

Tornata amara per la Lega in provincia di Varese e a Legnano

Tra sorprese e conferme il partito di Salvini è quello che esce con qualche problema. Dopo anni di governo del centrodestra Luino cambia. A Somma Lombardo vittoria schiacciante di Bellaria mentre a Saronno e Legnano ci sarà un secondo turno apertissimo

Gli occhi erano puntati su Luino e Somma Lombardo. E da lì sono arrivate due sberle severe alla Lega. La spaccatura nel centrodestra ha consegnato la città di Piero chiara sul Verbano a Enrico Bianchi, espressione di un movimento civico che affonda le radici nel centrosinistra. Stefano Bellaria invece si è riconfermato al primo turno doppiando i voti del suo concorrente.

In entrambi i comuni Fratelli d’Italia aveva spaccato la coalizione lasciando la Lega. Il risultato è lì da vedere. Ma le cose per il partito di Salvini non sono andate meglio negli altri grandi centri al voto. A Saronno, a sorpresa, la distanza tra Alessandro Fagioli, sindaco leghista uscente e il suo sfidante Augusto Airoldi è una manciata di voti e il ballottaggio è apertissimo. A Legnano, dove si arrivava al voto da un commissariamento lungo dopo che era stato arrestato il sindaco e mezza giunta, Carolina Toia è nettamente in testa, ma la Lega non sfonda e anche qui il secondo turno sarà apertissimo con Lorenzo Radice lanciatissimo e il Pd che è il primo partito della città.

In provincia il voto ha portato qualche altra novità come a Laveno Mombello dove il centrosinistra perde il comune che va a una vera formazione civica guidata da Luca Santagostino. A Casorate Sempione si conferma sindaco Dimitri Cassani, stessa cosa a Gemonio con Samuel Lucchini e Golasecca con Claudio Ventimiglia.

A Lonate Ceppino la Lega tiene l’amministrazione con Clara dalla Pozza, unica donna eletta in questa tornata. Anche Origgio va a una lista con la Lega che elegge Evasio Regnicoli. A Masciago Primo dove si presentavano due big della Valcuvia, ha avuto la meglio Marco Magrini.

Il Varesotto e il Legnanese confermano così un quadro nazionale dove la Lega sembra aver esaurito la spinta potente che l’aveva portata al governo e a vincere quasi tutte le competizioni elettorali. Ora, in vista del secondo turno a Saronno e Legnano il centrodestra cercherà di contenere la svolta che si è vista nelle urne. Per quanto si tratti di elezioni molto iperlocal, il messaggio è stato forte: dove la coalizione corre spaccata perde, ma anche altrove non è scontato essere maggioranza. Sorrideranno in casa di Fratelli d’Italia perché il messaggio forte è arrivato, vedi Luino e Somma, direttamente da loro.

LA DIRETTA DELLO SPOGLIO CON TUTTI I DATI

di marco@varesenews.it
Pubblicato il 22 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore