Quantcast

Legnano risponde all’appello per la pace in Ucrania con un atto di profonda fede

Basilica di San Magno affollata e fedeli anche all'esterno per la recita del rosario e l'adorazione eucaristica. Mercoledì 2 marzo, giornata del digiuno, altro momento con cui la speranza si appellerà alla fede

Anche fedeli all’esterno della Basilica di San Magno, questa sera sabato, 26 febbraio, che, complice  il protocollo anticontagio, non ha potuto accogliere tutta le gente accorsa alla veglia per la Pace promossa dalla Chiesa di Legnano.

Galleria fotografica

Veglia per la Pace in Basilica San Magno a Legnano 4 di 14

Una presenza così numerosa (confortata anche da un migliaio di visualizzazioni durante la diretta streaming) è stata testimonianza sia di preoccupazione per la guerra russo-ucraina, sia di una fede profonda che ha portato mons. Angelo Cairati, decano e prevosto della città, ad affermare «noi certamente abbiamo paura e comprendiamo il dolore della comunità ucraina, ma noi siamo gli eredi della speranza. Nulla potrà dividerci dall’amore di Dio. La fede può molto, può muovere montagne ed entrare nei cuori più induriti. Noi seminiamo speranza. Non facciamoci prendere dall’angoscia. E, soprattutto, stiamo vicini alle persone che soffrono, incoraggiamo e aiutiamo». Accanto a mons. Cairati, i sacerdoti delle tre comunità legnanesi, con don Walter Zatta, don Marco Lodovici e don Alessandro Viganò. In prima fila il sindaco Lorenzo Radice con la vice Anna Padoan e Gianfranco Bononi.

Veglia per la Pace in Basilica San Magno a Legnano

Dopo questo momento, mons. Cairati ha ricordato l’invito ad accogliere l’appello del Papa per la Pace con la giornata di digiuno nel mercoledì delle Ceneri, 2 Marzo 2022.

«Appello per la Pace», martedì 1 marzo un presidio in centro a Legnano

 

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 26 Febbraio 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Veglia per la Pace in Basilica San Magno a Legnano 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore