Quantcast

Compagnia dei Gelosi tra Federico Fellini e Garcia Lorca

“La strada di Fellini” il 18 gennaio, Auditorium di Cerro Maggiore, con il Corpo Musicale Cittadino, e “Mariposa”, poesia lorchiana e flamenco andaluso, il 31 gennaio a  Canegrate

Federico Fellini e Federico Garcia Lorca: due poliedrici giganti tra le novità della Compagnia dei Gelosi di inizio anno. “LA STRADA DI FELLINI” il 18 gennaio, Auditorium di Cerro Maggiore, con il Corpo Musicale Cittadino, e “MARIPOSA”, poesia lorchiana e flamenco andaluso, il 31 gennaio a  Canegrate, ospite dell’Associazione Cultura dei Sogni.

[pubblicita]       Le nove Muse, si sa, da sempre proteggono ogni umana arte e sapienza, e ognuna di  loro è collegata ad un genere particolare. Ma in tempi moderni,  con l’affiorare di nuove forme d’arte, potrebbe essere complicato per un artista rivolgersi alla Musa giusta per invocare l’ispirazione. Chissà  quale Musa  avrebbero scelto i due giganti dell’arte che la Compagnia dei Gelosi porterà in scena a gennaio. Forse nessuna. In fondo il Federico regista aveva ispirazione da vendere, e il Federico poeta preferiva alle Muse quel suo demone che saliva dalle viscere della terra straziando le carni, il duende. E a complicare la scelta, lo smisurato talento dei due: talmente grande da non potersi esaurire in un solo genere artistico.

Non tutti sanno, infatti, che il celebre regista riminese fu anche un apprezzato autore radiofonico. Ed è proprio questo aspetto del lavoro di Fellini che la Compagnia dei Gelosi porterà in scena per celebrare il centesimo anniversario della sua nascita (20 gennaio 1920), alternando i suoi racconti scritti per la radio ai pezzi musicali eseguiti dall’orchestra cittadina. 

“LA STRADA DI FELLINI” Auditorium di Cerro Maggiore, sabato 18 gennaio ore 21.

Non se la prendano le Muse di vedersi rubata la scena dal duende: nel nuovo spettacolo dei Gelosi c’è spazio anche per ognuna di loro. Poesia, dramma e frammenti di una vita eccezionale si avvicendano nella Spagna rurale di inizio ‘900, dove il giovane Federico Garcia Lorca nacque e tentò di essere felice, prima di venire assassinato a soli 38 anni. E poi musica flamenca e danze andaluse, in un susseguirsi di emozioni diverse scandite dal racconto di Federico e della sua amica Mariposa, ballerina di flamenco che nasconde fuoco e passione nelle vene, e un “cuore trafitto da mille spille d’argento”.

“MARIPOSA” Sala Cervi di Canegrate, venerdì 31 gennaio ore 21.

Nella programmazione di gennaio, infine, da non dimenticare il collaudato e sempre apprezzato reading letterario “MILANO NERA”, noir all’italiana ambientato nella nebbiosa Milano, presso il Centro Sociale Pertini -Salice- di Legnano, venerdì 24 gennaio ore 20. In scena un’ottima squadra di Gelosi capitanata da Luciano Mastellari.

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore