Quantcast

Rsa Accorsi, i parenti chiedono l’intervento della magistratura

Un gruppo di familiari ha presentato un esposto alla Procura di Busto Arsizio sulla gestione dei contagi SINDACATI ALLA ATS: "COSA STATE FACENDO PER GLI OSPITI?"

Il caso della RSA Accorsi arriva in Procura. Nella serata di ieri, giovedì 16 aprile, i parenti di quattro ospiti ricoverati nella struttura sanitaria legnanese hanno depositato un esposto alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio. 

[pubblicita] Oltre alle difficoltà di comunicazione con la struttura riscontrate nell'ultimo periodo di emergenza sanitaria, i parenti denunciano la presenza da circa due settimane di un focolaio epidemico che riguarderebbe almeno 30 ospiti. Il contagio – denunciano sempre i parenti – coinvolgerebbe ormai ospiti di tutti e tre i reparti della casa di riposo. Nell'esposto si parla anche del personale, che per ammissione stessa degli operatori sarebbe sotto organico: situazione che porta i familiari – numerose le segnalazioni e le denunce arrivate nei giorni scorsi in redazione – a chiedere che cosa stiano facendo KCS Caregiver (ovvero il gestore della struttura), l’amministrazione della Accorsi e le autorità sanitarie per ristabilire gli standard assistenziali.

I parenti chiedono se i gestori della RSA stiano comunicando efficacemente la situazione alle autorità sanitarie e se il Comune sia correttamente informato da KCS e ATS, e anche se ATS stia garantendo supporto per uscire da questa situazione. Attraverso l'esposto i familiari contestano infine la mancata comunicazione del fatto che ci sarebbero stati almeno 10-15 ospiti deceduti nelle ultime settimane (15 – 20% dei degenti) e richiedono quindi l’intervento della magistratura per verificare se siano stati o siano tuttora perpetrati reati. Gli stessi parenti si stanno facendo domande sulla possibile ammissione di degenti Covid positivi in struttura e sperano in un intervento rapido da parte dei soggetti in causa per evitare una situazione simile a quella della casa di riposo di Mediglia.

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore