Fondazione S.Erasmo: “Nessuna certezza sui contagiati, sicuri 4 morti”

L'aggiormanento della situazione alla RSA segnala solo negatività  SINDACATI: «LE RSA NON POSSONO ACCOGLIERE I PAZIENTI COVID-19»  A LEGNANO IL FARMACO DELL'ARTRITE AIUTA 14 PAZIENTI NUOVO APPELLO DI FONTANA: CITTADINI SIATE RIGOROSI"

Nessun dato sicuro su pazienti contagiati, ma una certezza c'è, purtroppo. "Dall’inizio dell'emergenza ad oggi, i decessi dei nostri ospiti sono stati in totale quattro apprendiamo da un comunicato diffuso oggi dalla Fondazione Sant'Erasmo di Legnano  -. Solo un ospite ha fatto il tampone, in Ospedale, ed era risultato positivo. Un’altra ricoverata, invece, è morta verosimilmente per cause non correlate al virus. Nel terzo e quarto caso gli ospiti, nei giorni precedenti il decesso, avevano manifestato febbre alta. In questa situazione, considerata l’assenza di tamponi effettuati sulle due persone, ci asteniamo però dal fare ogni ipotesi su cause o possibili concause".

[pubblicita ]La dffusione del contagio, come anticipato, non è certa perchè spiegano dalla RSA: "Non abbiamo dati certi considerato che, purtroppo, la strategia scelta dall’ATS è stata quella di non fare tamponi. Non siamo pertanto in grado di affermare con certezza quanti siano gli ospiti “positivi” e quanti siano gli operatori contagiati. Alle ore 10 di oggi gli ospiti con febbre sopra i 37,5 gradi erano 6 (di cui 2 sopra i 38). Si ricorda che la temperatura viene misurata almeno 2 volte al giorno. Abbiamo inoltre disposto che i malati con febbre alta vengano opportunamente isolati e stiamo anche impedendo contatti fra gli ospiti dei vari reparti".

Mascherine, camici, guanti sono a disposizione di tutto il personale. Le scorte però cominciano a scarseggiare "a causa dell’assenza di rifornimenti, ma per il momento nessun operatore è privo dei necessari dispositivi. Come tutte le strutture socio-sanitarie, abbiamo fatto copiosi ordini di materiali e siamo in attesa delle consegne che in questi giorni non sono sempre tempestive – prosegue l'aggiornamento odierno – . La regola che seguiamo nella relazione con i famigliari. è semplice: se un ospite accusa sintomi o risulta malato il famigliare viene subito informato e aggiornato dal medico e/o dall’infermiere. Se invece è in buone condizioni di salute saranno le animatrici a chiamare i famigliari rassicurandoli sulle condizioni dei loro congiunti.

Le numerose assenze del personale (lunedì si è aggiunta una infermiera volontaria) hanno causato grosse difficoltà per la gestione del servizio, "ma abbiamo sopperito sia grazie all’impegno di molti colleghi, come doppi turni e straordinari, sia attraverso il reperimento di nuovo personale sostitutivo – la conclusione della nota .- . Stiamo cercando di diffondere gli aggiornamenti tramite il sito internet, i comunicati stampa, i messaggi Whatsapp, le pagine Facebook, le email. Stiamo rispettando l’impegno di aggiornare ogni 48 ore sulla situazione della struttura".

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore