Quantcast

I Vigilantes al Parco Alto Milanese “sfrattano” la Prociv

Forza Italia insorge contro una decisione antipopolare dell'Ente e soprattutto più costosa...

Non è un mistero. Ancora di recente, in una riunione consiliare, lo ha affermato anche il sindaco Centinaio. A Legnano, la decisione di affidare il monitoraggio del Parco Alto Milanese ad una società diversa dalla Protezione civile non è proprio piaciuta. Ad allontanare dall'area i volontari del gruppo Alberto da Giussano e favorire l'arrivo di "vigilantes" sono stati soprattutto problemi legati alla sorveglianza. Oggi, è Forza Italia a manifestare le sue perplessità per una iniziativa dell'Ente Parco sicuramente anti-popolare, considerato il feeling sempre esistito tra la Prociv e i frequentatori del polmone verde tra Legnano, Castellanza e Busto Arsizio. Ancora in questi giorni, ad esempio, sono stati gli uomini del presidente Giuliano Prandoni, e non altri, a meritare un plauso per essere intervenuti con tempestività a soccorrere un rapace rimasto ferito (qui il ns. servizio).


Dopo gli articoli apparsi sulla stampa locale riteniamo  doveroso esprimere  alcune considerazioni in merito  alle decisioni prese dal Presidente del Parco Alto Milanese, Prof.Pisoni, ed avvallate dal Sindaco Alberto Centinaio.

E’ stato deciso di non proseguire la collaborazione con la Protezione civile di Legnano, alla quale veniva riconosciuto un compenso annuo per il servizio di vigilanza/prevenzione di € 15.000,00, per affidarla a una società con un costo annuo di circa  € 30.000,00, società che offre  un servizio di sola vigilanza ma non di prevenzione (differenza non di poco conto!).

A quanto ci risulta,  la Protezione Civile forniva tutte le settimane una reportistica con la quale segnalava all’Ente Parco la presenza di discariche abusive, di sentieri mal curati, di alberi pericolanti, di piccoli interventi di manutenzione su cartelli e giochi per bambini, oltre ad essere un punto di riferimento per i fruitori che vogliono segnalare ai volontari eventuali cattive frequentazioni e problemi vari.

L’Ente parco, con la precedente presidenza,   aveva inoltre sviluppato alcuni progetti in collaborazione con la protezione civile, ad esempio la mappatura dell’intera area, il rifacimento della cartellonistica, la creazione di percorsi misurati per ciclisti i podisti…etc. Progetti dei quali vorremmo vederne l’esecuzione fino ad ora disattesa.

La presenza di vigilantes può essere un’opzione valida ma a nostro avviso incompleta; ricordiamo che stiamo parlando di un polmone verde a disposizione dei cittadini, non di un’attività produttiva.

Il consiglio di amministrazione dell’Ente Parco, in carica dal 2008 al 2012, aveva orientato ed improntato la propria attività al coinvolgimento delle associazioni e dei cittadini per presidiare il territorio e renderlo più fruibile, ci auguriamo pertanto, che il Presidente Pisoni si faccia carico della continuità di tali attività.

Forza Italia  ha potuto constatare, e cosi’ anche molti cittadini, che  il Parco Alto Milanese ha perso in vitalità e cura,  e per questo ritiene, la gestione dell’attuale nuova Presidenza, deficitaria  e carente.

Ci auguriamo al più presto un cambiamento di rotta, affinchè non si verifichi un degrado del Parco.

Coordinamento Forza Italia Legnano

Mariangela Monticelli


(m.t.) – Una sola annotazione. I maggiori costi dell'operazione, così è stato riferito in Consiglio comunale, non incideranno sul contributo che le amministrazioni comunali versano annualmente all'Ente. E qui sotto altre precisazioni dell'Ufficio Stampa del Comune di Legnano

"All'esponente di Forza Italia, per altro presente in aula durante la risposta del sindaco all'interrogazione in oggetto, sono probabilmente sfuggiti due passaggi significativi di tale risposta:
1. La decisione di sostituire la Protezione Civile legnanese all'interno del Parco Alto Milanese è stata una decisione libera e autonoma dell'Ente Parco che vede rappresentati anche i comuni di Busto Arsizio e Castellanza.
2. Il sindaco ha chiuso il proprio intervento dichiarando che, seppure nel pieno rispetto delle decisioni del CdA, personalmente avrebbe evitato di prendere una simile decisione".

L'Ufficio Stampa – Città di Legnano 

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 03 Ottobre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore