Quantcast

LEGNANO E BUSTO CONFERMANO L’UNITA’ DELL’ALTO MILANESE

Le due amministrazioni si impegnano a lavorare insieme, con specifiche figure tecniche e politiche, per raggiungere il comune obiettivo...

La storica stretta di mano tra Alberto Centinaio, a sinistra, e Gigi Farioli, sindaci rispettivamente di Legnano e Busto Arsizio, per un patto di ferro allo scopo di riunire, dopo 76 anni, l'Alto Milanese in una sola entità


Questa mattina, anche a seguito del mandato a suo tempo ricevuto dai rispettivi Consigli comunali, il sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli e il sindaco di Legnano Alberto Centinaio si sono incontrati per verificare le iniziative assunte e da assumere in merito alla necessità di garantire, nella complessa dinamica di riorganizzazione istituzionale in atto, la massima valorizzazione del territorio dell’Altomilanese. Tutto ciò anche, se non soprattutto, alla luce dei progetti legislativi in itinere, con riferimento all’istituzione della Città Metropolitana.

Dopo aver svolto una breve disanima in merito alla riorganizzazione dei servizi di interesse comune, si è concentrato su una pur sommaria valutazione del testo come licenziato dalla commissione della Camera. Il testo, nella sua odierna formulazione, risulta, a parere di entrambi, assolutamente non in grado di rispondere alle specifiche e particolari direttive che a suo tempo i due Consigli comunali di competenza, pur partendo da contesti oggettivamente diversi, avevano formulato. Si è quindi convenuto di attivare concordemente ogni utile iniziativa per portare all’attenzione delle forze politiche, dei gruppi consiliari, ma anche delle forze più significative della società civile, il tema della riorganizzazione istituzionale, con l’assoluta e prioritaria necessità di garantire alle peculiarità economiche, sociali e culturali dell’Altomilanese adeguata rappresentanza e tutela, in una coerente e dinamica visione di crescita.

I due sindaci si sono ripromessi l’identificazione, all’interno delle due amministrazioni, di figure che svolgeranno il ruolo di referenti tecnici e politici per un’adeguata e documentata azione di supporto che, coinvolgendo le realtà dell’Altomilanese, dell’asse del Sempione, della Valle Olona, del sedime dell’aeroporto di Malpensa, possa permettere che il processo di riordino in atto non impedisca anche il possibile ricongiungimento istituzionale del’intero territorio dell’Altomilanese. Da subito si valuterà anche l’opportunità di organizzare, nelle forme e nei modi più idonei a raggiungere il risultato, seminari, assemblee e consigli comunali, affinchè venga elaborata, nel più breve tempo possibile, un’azione comune e incisiva anche con il coinvolgimento degli organismi universitari, a cominciare dalla LIUC e dai suoi centri di ricerca, che, non va dimenticato, già a partire dal 2006, costituirono piattaforma tecnica e di ricerca per l’elaborazione del piano strategico e di sviluppo dell’Asse del Sempione.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Dicembre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore