Quantcast

Quarto Binario, al via la raccolta firme «per difendere Vanzago»

La raccolta firme che partirà alle 11 di sabato 27 febbraio sotto il porticato del Calderara

Vanzago potenziamento Rho Gallarate

I gruppi consiliari di maggioranza (Insieme in Cammino) e opposizione (Voltiamo Pagina Vanzago) dopo aver presentato osservazioni al progetto di potenziamento della linea ferroviaria Rho – Gallarate tratta Rho – Parabiago, hanno elaborato una mozione congiunta che verrà portata all’approvazione del Consiglio Comunale di sabato 27 febbraio 2021 ore 9 (non in presenza ma trasmesso in streaming).

Oltre a questa comune iniziativa «che vuole sottolineare l’effetto devastante su Vanzago di questo progetto, i due gruppi promuoveranno una raccolta firme aperta a tutti i cittadini che vorranno sostenere questa azione per difendere Vanzago».

Di seguito il testo della raccolta firme che partirà alle 11 di sabato 27 febbraio sotto il porticato del Calderara

I sottoscritti cittadini esprimono preoccupazione e forte contrarietà per la realizzazione del progetto definitivo, in corso di approvazione, per il potenziamento della Rho – Gallarate tratta Rho – Parabiago, per gli impatti negativi che lo stesso produrrà sul territorio attraversato, in particolare a Vanzago. Denunciano l’inaccettabile tempistica imposta dai proponenti ai cittadini ed all’amministrazione comunale per presentare le proprie osservazioni ed il loro mancato coinvolgimento e condivisione nella progettazione. Chiedono a Italfer, RFI, Regione Lombardia, Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Ministero dell’Ambiente e della transizione ecologica e Cipe
– in via prioritaria di riprogettare il tracciato modificando la localizzazione dell’opera al fine di dare una differente risposta al traffico relativo ai treni a lunga percorrenza e al trasporto delle merci.
– In via subordinata di riprogettare il tracciato con una soluzione che preveda l’interramento della linea ferroviaria nel tratto di attraversamento del territorio del Comune di Vanzago.
– In via di ulteriore subordine, che si elaborino soluzioni alternative condivise e si approvi infine un progetto che raggiunga i seguenti obiettivi:
– Minimizzare l’impatto sulla comunità e sull’assetto urbanistico dei territori attraversati.
– Eliminare gli espropri e gli abbattimenti/stravolgimenti di edifici, pertinenze e di aree pubbliche.
– Risolvere il grave impatto generato dalla posa delle previste barriere antirumore con soluzioni rispettose di persone ed ambiente.
– Assicurare un efficiente servizio ferroviario soprattutto per i pendolari e contenere gli usi diversi sul tracciato, con grande attenzione alle problematiche relativi ai diversi inquinamenti ed alla sicurezza.

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 26 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore