Inquinamento: non è colpa del traffico, nel “mirino” riscaldamento e agricoltura

A tornare sul tema dell'inquinamento è stato l'assessore all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo.

Regione Lombardia

I sistemi di riscaldamento e l’agricoltura sono nel “mirino” di Regione Lombardia, impegnata nella lotta contro l’inquinamento. A tornare sul tema l’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo: «Il lockdown ci ha permesso di capire quali siano le reali cause dell’inquinamento. Dobbiamo mettere in campo una strategia centrata su interventi plurisettoriali e multi-inquinante a larga scala, con interventi mirati a ridurre sia le emissioni dirette che dei precursori delle PM».

Le auto, quindi, non sono più considerate le uniche colpevoli: il traffico emette l’ossido di azoto, ma non è la principale causa del Pm10. Perciò il blocco Euro4, che prima dell’emergenza Covid-19, era previsto ad ottobre potrebbe essere revocato. Nello stesso tempo, la Regione sta attendendo risorse dal Governo per incentivare il rinnovo del parco auto. «Dovremo monitorare meglio il settore dell’agricoltura e del riscaldamento». Così, la Regione è intenzionata ad incentivare l’acquisto di nuovi impianti a biomassa per «diminuire l’inquinamento di polveri sottili».

di
Pubblicato il 25 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore