Quantcast

Fondazione Ticino Olona: finanziati cinque progetti per aiutare i rifugiati ucraini

Per questi progetti sono stati stanziati i primi 46.250,00 euro, mentre sono stati raccolti i primi 10.200,00 euro che ne valgono il doppio

Aiuti Ucraina

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione ha approvato, nella seduta del 26 aprile, i primi cinque progetti presentati da Enti del Terzo Settore per l’accoglienza e l’assistenza ai tanti profughi, soprattutto donne e bambini, giunti sul territorio del Ticino Olona. Per questi progetti sono stati stanziati i primi 46.250,00 euro per gli aiuti ai rifugiati ucraini, mentre sono stati raccolti i primi 10.200,00 euro che ne valgono il doppio.

I progetti coprono diversi aspetti dell’emergenza e sicuramente riusciranno a dare un concreto e sostanziale aiuto alle tante esigenze in atto. Il Consiglio esprime la propria soddisfazione e si augura che altre proposte giungano il prima possibile dal territorio. In sintesi i progetti presentati con i contributi assegnati:

Al Filo Rosa Auser Legnano sono stati attribuiti 8.950 euro, come sostegno psicologico a donne ucraine su richiesta tramite numero dedicato e
su segnalazione dei servizi sociali

A La Tribù di Abbiategrasso, sono stati assegnati 9 mila euro per la facilitazione linguistica (insegnamento dell’italiano) a 34 mamme e minori
giunti sul territorio dell’abbiatense.

Alla caritas di  san Magno Legnano 8.300 euro per dare sostegno economico alle famiglie che ospitano i rifugiati arrivati a Legnano (30 persone)

Per Telefono Donna Onlus nel Magentino e Abbiatense sono stati stanziati 10 mila euro per interventi di supporto psicologico per famiglie che
hanno accolto profughi ucraini, soprattutto donne con i loro figli; alfabetizzazione per donne ucraine e loro figli

Infine al Comitato Locale di  Croce Rossa sono stati stanziati 10 mila euro Croce Rossa per arredi per spazi concessi dall’amministrazione di Legnano per l’ospitalità dei profughi (letti, tavoli e sedie, lenzuola, armadi, frigorifero e congelatore)

Nella stessa seduta il CdA ha poi accettato le donazioni pervenute finora che ammontano a 10.200,00 euro che, grazie al raddoppio di Fondazione Cariplo, diventano sono diventate 20.400,00 euro. Si ringraziano la Famiglia Legnanese, il Lions Club Legnano Castello, Luca Roveda e gli altri donatori per aver aderito al nostro invito di raccolta fondi valutando molto favorevole per il nostro territorio l’iniziativa Cariplo.

Altre iniziative sono in programma nelle prossime settimane per cui ci si augura di avvicinarsi il più possibile alla cifra di 75.000,00 euro, valore limite raddoppiato da Fondazione Cariplo. Riepilogando il bando ha raggiunto al momento il budget di 120.400,00 euro di cui già assegnati
46.250,00 e quindi disponibili, sempre a oggi, per i progetti futuri 74.150,00 euro. Alla pagina web del fondo, https://www.fondazioneticinoolona.it/fondo-emergenza-ucraina/, tutte le informazioni e gli aggiornamenti in tempo reale.

«Al di là dei numeri, che pure dicono tanto, l’impegno della Fondazione è a fianco di Enti e Associazioni che si stanno adoperando, con la solita abnegazione e il solito spirito di servizio, per alleviare le sofferenze fisiche e, crediamo, soprattutto psicologiche cui sono sottoposti i profughi
che da un giorno all’altro hanno visto cambiare la loro vita e non hanno più certezze sul futuro in cui speravano. Ci si augura – conclude il presidente, Salvatore Forte –  che la guerra finisca presto e che le diplomazie internazionali abbiano la meglio sul frastuono di missili e carrarmati, un frastuono da cui usciamo tutti più poveri e meno umani, vincitori e vinti ammesso che in una tragedia simile si possa pensare che ci saranno dei vincitori. Fondazione Ticino Olona, per statuto e convinzione, è sempre a fianco dei fragili e di tutti coloro che sono meno fortunati di noi».

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 28 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore