Quantcast

Chiesa di Legnano e l’Ucraina: “Non vestiti o generi alimentari, ma una raccolta di offerte in denaro”

Le parrocchie legnanesi chiedono di seguire le indicazioni della Caritas Ambrosiana

chiesa legnano

«La situazione della guerra in Ucraina sta producendo vittime, distruzione e milioni di profughi. Di fronte a questa catastrofe umanitaria non possiamo restare indifferenti». Inizia così un comunicato della Caritas Ambrosiana, rilanciato dalla Chiesa di Legnano a sostegno degli aiuti alla popolazione dell’Ucraina

«Stiamo registrando una grande mobilitazione in tutta Europa e nel nostro territorio – prosegue la nota – . Le Comunità cristiane si stanno organizzando. Suggeriamo un coordinamento a livello locale per non disperdere forze e beni».

Da qui due indicazioni:

La prima è sostenere le Caritas già attive in Ucraina e nei paesi limitrofi che accolgono i profughi (Polonia, Moldova e Romania), con particolare attenzione ai minori e agi anziani

La seconda indicazione è di non effettuare raccolte di vestiti, generi alimentari, medicinali, coperte o qualsiasi altro bene in quanto in questo momento non è possibile garantire il trasporto, vista la situazione in atto, le procedure doganali e i costi di trasporto. Caritas Ambrosiana raccoglie solamente offerte in denaro, invitando le Caritas sul territorio della Diocesi ad attenersi a questa indicazione

Versamenti presso l’ufficio postale
C.C.P. N. 000013576228 intestato a Caritas Ambrosiana Onlus – Via S. Bernardino 4 20122 Milano

Con Bonifico
C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus
IBAN IT82Q0503401647000000064700
Causale offerta: Conflitto in Ucraina

Per ricevere ricevuta fiscale o altre informazioni sulla deducibilità delle offerte, contattare il numero dedicato ai donatori 02 40703424

Accoglienza profughi: le prime indicazioni del Comune di Legnano

I comuni dell’Alto Milanese, intanto, hanno avviato l’iniziativa “SOS Ucraina Alto Milanese”, ovvero una raccolta fondi veicolata su un unico IBAN per tutto il territorio – IT76I0103032420000063126862 – le cui risorse, grazie anche alla collaborazione delle associazioni della zona che sono in contatto con la comunità ucraina, serviranno per «offrire un reale sostegno al popolo ucraino e dare un aiuto concreto per la ricostruzione futura dei paesi danneggiati». Anche cittadini e associazioni si stanno mobilitando per portare aiuti alla popolazione raccogliendo beni di prima necessità da inviare in Ucraina.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 04 Marzo 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore